cookie

Translate

sabato 26 dicembre 2015

Lettera breve al Presidente del consiglio dei Ministi

Gentilissimo Presidente Matteo,

Lei è l' uomo che smentisce le male lingue. Lei è l'uomo del Fare. Lei è l'uomo "Nuovo". Lei è Colui che "manda in soffitta i professionisti del “tanto non ce la farete mai”, del piagnisteo e della lamentazione", può dimostrare che il Movimento 5 Stelle sbaglia; 


Lei legalizzerà la cannabis! 



Buon Natale!

venerdì 25 dicembre 2015

Decreto cannabis: interrogazione del M5S e impugnazione dei Radicali all’orizzonte

Non si placano le polemiche sul decreto del ministro della Salute Lorenzin in tema di sostanze e preparazioni di origine vegetale a base di ‪‎cannabis‬. Secondo il senatore del Movimento 5 Stelle Afonso Ciampolillo il decreto “segna una nuova triste pagina della politica incoerente ed ipocrita di questa maggioranza di governo”, motivo per cui sulle diverse criticità del decreto il senatore ha depositato un’interrogazione urgente al ministro della Salute.

“Mentre il sottosegretario Della Vedova percorre l’Italia millantando una epocale riforma sulla liberalizzazione della cannabis”, scrive il senatore, “che in realtà RENZIE & co. non voteranno mai illudendo tanti colleghi anche dell’opposizione, il Ministro Lorezin emana questo decreto con cui va fortemente a limitare l’uso della cannabis per finalità terapeutica, cosi danneggiando le legittime aspettative di tanti malati che si sono trovati da un giorno all’altro in una situazione di assoluta incertezza”.

“E così”, continua il senatore, “gli impieghi di Cannabis ad uso medico sembrano ammessi solo dopo l’esito negativo delle terapie tradizionali. Il testo sul punto e’ volutamente ambiguo e di fatto rischia di bloccare il sistema. Gli impieghi dei Cannabinoidi ad uso medico, nella cultura medica internazionale, riguardano Parkinson, epilessia, trattamento delle malattie infiammatorie croniche intestinali, trattamento della depressione, trattamento dell’insonnia. E’ quindi assurdo ritener tassativa l’elencazione contenuta nell’ allegato tecnico del decreto lorenzin, non ostando all’impiego ad uso medico della cannabis in ipotesi di utilità cosi ritenute dal medico quale trattamento sintomatico di supporto al trattamento standard, in presenza comunque di esperienza clinica, studi clinici controllati, studi osservazionali, revisioni sistematiche e nella metanalisi della letteratura internazionale indicizzata”.
“Le ragioni di tale urgenza – continua Ciapolillo – le troviamo nel drama di tanti cittadini vittime di malattie gravissime che, oggi, alla pena delle loro sofferenza devono aggiungere il disagio indegno provocato da questo Governo al loro diritto alla cura. Il M5S con sempre e’ vicino ai cittadini normali e ad i loro bisogno e denuncia ipocrisia di un governo pronto a salvare con decreto i parenti dei propri componenti ed amici e al contempo, schiavo delle lobby del farmaco in danno delle persone comuni e delle loro sofferenze”.

Intanto anche i Radicali hanno annunciato battaglia: per bocca del segretario Rita Bernardini, segretario del partito e presidente onorario di LapianTiamo, associazione con cui ha portato avanti diverse disobbedienze civili coltivando cannabis da distribuire ai malati ed autodenunciandosi, hanno annunciato che impugneranno il decreto.
Redazione cannabisterapeutica.info


Decreto cannabis: interrogazione del M5S e impugnazione dei Radicali all’orizzonte

giovedì 24 dicembre 2015

The case for marijuana legalization just got stronger

By Christopher Ingraham December 16

America's high school students are using drugs and alcohol at or near the lowest levels on record, according to federal data released Wednesday. The 2015 Monitoring the Future Survey, conducted by the University of Michigan and the National Institute on Drug Abuse (NIDA) since 1975, found that past-year use of alcohol and illicit drugs other than marijuana continued their two-decade-long decline among America's 8th- , 10th- and 12th-graders.

“We are heartened to see that most illicit drug use is not increasing, non-medical use of prescription opioids is decreasing, and there is improvement in alcohol and cigarette use rates,” NIDA Director Nora D. Volkow said in a statement. In 2015, teen use of both alcohol and cigarettes reached their lowest levels since the study began 40 years ago. And use of especially dangerous drugs, like heroin, amphetamines and so-called synthetic marijuana, also declined this year.

The Monitoring the Future (MTF) survey poses questions about substance use to more than 40,000 8th- , 10th- and 12th-graders at public and private high schools in the United States. The sheer size of the survey, and the fact that it was conducted in the spring of this year, make it an invaluable tool for understanding trends in teen drug and alcohol use. The other major federal barometer of substance use, the National Survey on Drug Use and Health, hasa one- or two-year lag compared to MTF.

The immediacy of the data makes the survey particularly useful for understanding how the national conversation on marijuana legalization is affecting teen pot use, if at all. This, after all, is a primary concern of legalization opponents. Rep. Andy Harris (R.-Md.) summed up this mind-set during a speech at the Heritage Foundation last year when he said that "relaxing [marijuana] laws clearly leads to more teenage drug use. It should be intuitively obvious to everyone that if you legalize marijuana for adults, more children will use marijuana because the message that it's dangerous will be blunted."

But the data from MTF and other federal surveys contradict this claim. Though more adults are smoking pot, the MTF data suggests that teens aren't following suit. Teen marijuana use at the national level has fallen slightly since 2010, and their use of other illicit drugs has declined steadily.

There's a paradox in these numbers: The data show that the percentage of teenagers who see a great risk of harm in using pot is at record lows this year, according to the survey. With that sort of decline, you'd typically expect to see a concomitant rise in use, lead investigator Lloyd Johnston said in an interview. But that's not happening.

"It's a bit of a conundrum," Johnston said. He points to one fact that may partly explain the disparity: "Students' conception of how easy it is to get marijuana has actually been in decline the past few years." They're less worried about risks, but also less able to get weed when they want it. The net effect may be the flat use rates.

None of this is to imply that public health experts aren't worried about teen marijuana use, however. "A continued area of concern is the high rate of daily marijuana smoking seen especially among 12th graders, because of marijuana’s potential deleterious effects on the developing brains of teenagers,” NIDA's Volkow said in a statement. Six percent of high school seniors are smoking pot daily, according to the survey. Kids who use that frequently are putting themselves at the highest risk of the adverse effects of marijuana use.

sabato 19 dicembre 2015

Prediction: 2016 Will Be the Greenest Year in History Cannabis Entrepreneur Nicole Smith Talks About the Industry



Posted: 12/17/2015 4:00 pm EST Updated: 12/17/2015 4:00 pm EST


Tis the Season -- for reflection and prediction. Tune in any TV network and you'll see experts prognosticating on the global state of affairs while other segments reflect on the year that was. The cannabis industry is no different.

One of the industry's primary movers-and-shakers is Nicole Smith, founder and CEO of Mary's Medicinals, the Denver-based company that manufactures transdermal cannabis patches along with other unique cannabis nutraceutical products. In fact, Mary's Medicinals has won the Cannabis Business Award for "Most Innovative Product" for two years in a row and Smith was recently named a Denver Business Journal Outstanding Woman in Business for 2015.


This author recently asked Smith to reflect on the year that was and offer some predictions for the future.


Nicole, there is always talk about "Big Business" at the door of the cannabis industry. What's your take?

Nicole Smith: Everyone abhors the possibility of 'Monsanto Marijuana,' but major corporations and investment firms will inevitably find ways to get into the industry. For better or for worse, the industry is going to mature very quickly. The success of larger existing cannabis companies will power the next wave of research and development, distribution and marketing but there are investors clamoring to "get on board." With this wave of investment, we'll see both the entry of new players and the consolidation of the existing market as larger organizations continue to buy up smaller firms. It's a free country with a free market but, as with any product, an educated consumer is key. The cannabis consumer is very sophisticated, for the most part, and this will, I think, help avoid the "Monsanto Marijuana."



Does that include The Edibles Market, which has taken quite a hit in the press in 2015?


Nicole Smith: I think the edibles market will "grow up" in 2016. Overdosing on edibles has been too easy. A slew of new regulations and safety guidelines will definitely have an impact on this previously rapid-growth sector. In Denver, manufacturers are facing new proposed requirements that may include marking individual items with a THC symbol. Branding changes and required investment in new technology will drive out many smaller manufacturers as regulations continue to stack up.

Consumers should expect a reduction in gummy bears and other candies that are perceived as appealing to children. Meanwhile, artisanal chefs and brewers have begun to explore the potential of cannabis as an intriguing ingredient in high-end craft brews and gourmet meals. There will also be new oral preparations of cannabis available, like our new high-bioavailability capsules. These emerging areas are geared to the 'adult-oriented' cannabis market and will see significant growth in 2016.



What is your perception of the socio-economic impact in the legal cannabis states?


Nicole Smith: Without question the growing legal cannabis industry has begun to have a major impact on the bottom-line in communities where it has been allowed to prosper. There are estimates of nearly $3 billion in sales in 2015! Unemployment is down. Schools, drug treatment programs and other municipal services have been positively impacted -- and citizens are taking note. Multiple reports show that in Colorado, teen drug use and crime are both down. Beyond all of the jobs both in cannabis and ancillary industries, cannabis companies have contributed millions of dollars to educational, research, patient and community support programs. If you drive down Interstate 25 in Denver, don't be surprised when you see a sign proclaiming 'Litter Removal Sponsored by Metro Cannabis.'

As the cannabis industry becomes increasingly important to local economies, and influential in government, we will begin to see incremental banking and tax reform -- especially on the federal level. Smaller local banks will begin to find ways to participate in and benefit from the cannabis economy. And those of us in the industry will eventually be able to bank like everyone else (laughs).



There are three levels of cannabis control -- state, federal and international. What do you foresee in those areas?


Nicole Smith: There are nearly a dozen states (California, Arizona, Nevada, Michigan, Florida, Massachusetts, Maine, Hawaii, Missouri, Ohio, and Montana) that are in various stages of trying to get ballot initiatives for general legalization in 2016. It is too early to know which states will actually get something on the ballot, but we know several will. Vermont may be the first state to legalize recreational use through a legislative process.

At the federal level, the prospect of someone new entering the White House presents quite a bit of uncertainty. Some conservative presidential candidates have threatened to vigorously enforce federal marijuana laws, while Bernie Sanders promises to end the drug war completely. Without trying to predict the outcome of the election, let's just say there are many possibilities, but a reversal of state legalization is very unlikely.

Internationally things are also very exciting but complex. With a new Prime Minister (Justin Trudeau), Canada is poised to be the first G7 nation to legalize cannabis, and many other nations are exploring the possibility of following suit. Rumors continue to swirl about a report from the United Nations Office on Drugs and Crime that will call on governments around the world to decriminalize drug use and possession for personal consumption. Whether or not that will happen in 2016, legalization will continue to draw headlines throughout the year.



And do you think that general legalization will hurt the medical use of cannabis?


Nicole Smith: It certainly could. Growing pains are inevitable. In Washington, the highly regulated recreational market has all but shuttered the previously vast medical dispensary system. In Colorado, a duel system has emerged, but many feel that an evolution of the '2 Door' system is needed. To keep up, many products are sold both medically and recreationally so that they are available to users with or without a prescription. However, the retail side is more heavily taxed, and can cost 40-60% more. As more states legalize, there is going to be a difficult discussion about how we open up adult use while making sure we take care of the patients that need these products as medicine.

It is not a simple issue. Can we separate medical and recreational use? If so, where do we draw the line between medical and recreational use? Treating a child's epilepsy is, of course, purely medical. But we see many customers using our 'Medical' products for many conditions that wouldn't qualify as 'debilitating,' even something as simple as a hangover or menstrual cramps. But these are also not 'recreational' users trying to get stoned. Is an athlete entitled to use cannabis as sports medicine? What about someone trying to treat stress or anxiety? Do they deserve the same access to non-toxic/non-pharmaceutical relief as someone with a 'qualifying' condition? The only answer, in my opinion, is to provide unrestricted access to everything for everyone -- just like any over the counter drug. Hopefully we'll see a move in that direction in 2016.


mercoledì 16 dicembre 2015

ITALIA - Caso Cucchi. Cassazione: annullata assoluzione medici

Annullate con rinvio a una nuova sezione della corte di appello di Roma le assoluzioni dei cinque medici del reparto detenuti dell'ospedale Pertini accusati di omicidio colposo in relazione alla morte di Stefano Cucchi. Confermate quelle dei tre agenti di polizia penitenziaria, dei tre infermieri del Pertini e della dottoressa Rosita Caponetti (già prosciolta per falso ideologico). La quinta sezione penale della Cassazione accoglie tutte le richieste del procuratore generale Nello Rossi e ordina il processo bis per Aldo Fierro (primario del reparto detenuti all'epoca del decesso del giovane geometra romano arrestato per droga il 15 ottobre 2009), Stefania Corbi, Flaminia Bruno, Luigi De Marchis e Silvia Di Carlo. Assoluzioni per tutti gli altri imputati, ovvero i tre agenti della penitenziaria Nicola Minichini, Corrado Santantonio e Antonio Domenici, la dottoressa Caponetti e gli infermieri del reparto detenuti del "Pertini" Giuseppe Flauto, Elvira Martelli e Domenico Pepe. Il pg, nella sua requisitoria della mattina, aveva sottolineato come Cucchi, una settimana dopo l'arresto, sia morto "in un ospedale pubblico" in cui "è stata violata la sua dignità". I referti dell'ingresso di Cucchi nel reparto detenuti devono essere considerati "come un capitolo clamoroso della sciatteria e trascuratezza della assistenza riservata a Cucchi al 'Pertini'", aveva affermato Rossi in un altro passaggio. "Se si confermasse l'assoluzione" dei medici imputati di omicidio colposo in relazione alla morte del detenuto, aveva aggiunto, "sarebbe una pietra tombale sulla morte di Stefano". Al verdetto, giunto alle 22 e 15 circa dopo una camera di consiglio di quasi cinque ore, non hanno assistito né i genitori né la sorella di Stefano, Ilaria, che hanno lasciato la Cassazione poco dopo la requisitoria del pg e la rinuncia al ricorso contro l'assoluzione dei tre agenti di polizia penitenziaria annunciata dell'avvocato della famiglia Cucchi Fabio Anselmo. "I medici sono responsabili della morte di mio fratello, se l'avessero curato non ci sarebbe motivo di parlare di lui e della sua vicenda", ha commentato la stessa Ilaria dopo la sentenza della quinta sezione penale. Per lei, come per i genitori, le attese e le speranze di veder fatta piena luce sul decesso di Stefano sono riposte soprattutto nell'inchiesta bis della procura di Roma, che ha iscritto nel registro degli indagati 5 carabinieri. In tre sono accusati di aver picchiato il trentenne romano dopo l'arresto per droga, in due di aver coperto il pestaggio che sarebbe avvenuto in caserma e dunque prima del trasporto a piazzale Clodio del giovane. "La verità va cercata altrove", ha scandito il pg a Rossi nella requisitoria di ieri mattina, sottolineando come anche la sentenza di appello che aveva confermato l'assoluzione degli agenti di polizia penitenziaria abbia evidenziato le ragioni in favore di "un'altra plausibile ipotesi, quella di violenze anteriori alla consegna del Cucchi agli agenti di piazzale Clodio". "Dal processo non è emersa la certezza che Stefano Cucchi sia giunto illeso alle celle" del tribunale di Roma ha detto ancora Rossi. "Oggi sento per la prima volta parlare di violentissimo pestaggio e mi viene da chiedere cosa c'entri questo con la caduta rovinosa indicata nella perizia. Qualcuno ci dovrebbe chiedere scusa", ha commentato in proposito Ilaria Cucchi prima di lasciare il palazzo della Cassazione ieri. "Quello che spero", ha aggiunto, "è che adesso si faccia chiarezza sugli aspetti medico-legali e su quanto le consulenze dei medici-legali e dei periti della procura abbiano segnato 6 anni di processo".
ITALIA - Caso Cucchi. Cassazione: annullata assoluzione medici

martedì 15 dicembre 2015

Supporto dei cittadini per l'intergruppo? Si, grazie! - Lettera a Vittorio Ferraresi per l'interguppo

Caro Vittorio,

Sto continuando a seguire il lavoro che stai portando avanti; sono con te.

A questo proposito, scrivo per sottoporti una iniziativa partita ad Agosto, dal mio blog, anche in supporto al lavoro dell'intergruppo.

Saprai che è stato approvato il decreto Lorenzin che regolamenta la "cannabis di stato"; un provvedimento che non ha soddisfatto, per primi, i malati, come si può leggere dai numerosi siti che si occupano di cannabis terapeutica ( per es. cannabisterapeutica.info, farmagalenica.it).

Il Governo non si è ancora espresso e ai dibattiti in commissioni, sembrerebbe che, a parte la Meloni, nessuno si sia esposto e anzi non abbiano intenzione di esporsi, per il momento.

Intanto il Governo ha, però, nei fatti, dato un segnale, con l' approvazione di un decreto insoddisfacente sulla cannabis terapeutica; in più, per le persone che più ne hanno bisogno: i malati!

Ad agosto, dal mio blog, ho lanciato un appello; inviare richiesta di autorizzazione alla coltivazione di cannabis al ministero della salute.
Molti conoscono solo l'aspetto repressivo della legge sugli stupefacenti. Pochi sanno che il dpr 309/90 prevede la possibilità di coltivazione per chiunque. Anche il Messico ha recentemente intrapreso questa strada.Anche associazioni riconosciute a livello nazionale sono consapevoli della necessità di dialogo tra cittadini ed istituzioni.

A supporto dell'intergruppo, ora, serve il contributo dei cittadini. Per questo credo che, una iniziativa di filo diretto tra i cittadini e le istituzioni, sarebbe opportuna per alimentare il dibattito istituzionale e fare sentire la pressione dell'opinione pubblica sui parlamentari e senatori che ancora non si sono espressi a prendere posizione.

L'iniziativa è semplice; scrivere al ministero della Salute per l'autorizzazione.

Il decreto approvato dal ministero, potrebbe infatti, essere in contrasto con la legge sugli stupefacenti. D'altra parte, che la destra approvi decreti legge sulla droga che non sono in linea con la normativa italiana, non sarebbe la prima volta (specie dopo la fini giovanardi).

Se questa iniziativa venisse lanciata dall'intergruppo, anzichè da uno specialista molto informato, l'adesione sarebbe sicuramente significativa e si potrebbero fissare interrogazioni parlamentari a scadenze stabilite, per seguire il numero delle richieste pervenute. Un paragone con i mercati finanziari? L'andamento delle "richieste di autorizzazione".

Avere una conta delle persone interessate ha molti significati. Oltre a portare alla luce il coinvolgimento dei cittadini e la pressione sui politici, porterebbe in evidenza il numero di cittadini che altrimenti potrebbero essere criminalizzati; con la copertura politica e mediatica del fenomeno, si potrebbe facilmente fare emergere la dimensione del problema .Dal punto di vista della "sicurezza" si darebbe un segnale a TUTTI i cittadini, il fenomeno è sotto controllo. In seconda battuta si sosterrebbero i cittadini che intendo aderire, convincendo anche quelli più titubanti da "paranoia da poibizionismo"(essere "visitati" dalle forze dell'ordine). La richiesta è infatti prevista dalla legge.


Se per caso arrivassero 60.000 richieste, basterebbe questo dato a fare comprendere che la repressione ha fallito? Quanto è la capienza carceraria italiana? Ha già avuto successo la criminalizzazione?
La capienza regolamentare delle carceri italiane,è fissata a 47.709 posti e l' approccio repressivo degli ultimi 30 anni ha portato all'aumento della diffusione delle droghe, la crescita di forze economiche illegali, la criminalizzazione di massa.

In un periodo di crisi si vuole continuare a perseguire una politica che il sistema italia non è in grado di sostenere e contenere? Si vuole spendere denaro e risorse a perseguire un vizio, piuttosto che concentrare gli sforzi delle forze dell'ordine contro minacce più incombenti come il terrorismo? Se l'isis brucia le piante di cannabis per propaganda, vogliamo dare seguito a novelli inquisitori italici che ragionano come terroristi?
Ecco perchè è arrivato il momento che cittadini e politici si supportino. Tutta acqua che, nel mulino dell'intergruppo, si trasformerebbe in consenso e attrazione nei confronti degli indecisi; è ora che gli "indecisi" prendano una scelta. Chi è interessato alla libertà e alla sicurezza ne ha solo una: supportare la legalizzazione.

Un caro saluto

domenica 13 dicembre 2015

Cannabis terapeutica: un decreto tra divieti e proteste

Il decreto del ministero della Salute per regolare la coltivazione, la lavorazione e l’uso terapeutico della cannabis, dopo l’approvazione della Conferenza Stato-Regioni è stato pubblicato in Gazzetta ufficiale ed entrerà ufficialmente in vigore a partire dal 15 dicembre. Come già detto è un decreto necessario, perché previsto dalla Convenzione sugli stupefacenti del 1961. Quello che invece non è stato detto è che si tratta di un decreto che, invece che favorire e aiutare malati e professionisti del settore sanitario verso una normalizzazione della cannabis in medicina, fa dei giganti passi indietro sia rispetto alle battaglie portate avanti da malati, associazioni e medici, sia rispetto alla prassi attuale nella quale i malati, pur tra mille difficoltà, riuscivano ad ottenere il tanto agognato farmaco e ad alleviare o curare le patologie che li affliggono.

I primi rilievi, nel merito del decreto, erano stati fatti dall’Associazione Cannabis Terapeutica (ACT) insieme alla Società Italiana di Ricerca sulla Cannabis (SIRCA). In una lettera mandata ai ministeri coinvolti nella sperimentazione e, tra gli altri, alla Federazione degli Ordini dei medici, avevano sollevato una serie di criticità che secondo loro sarebbero state “gravemente pregiudiziali all’avvio di una seria applicazione del progetto”. Il decreto proibisce innanzitutto l’uso degli estratti come l’olio e le resine, che permettono la comoda somministrazione in gocce, come qualsiasi altro farmaco. Obbligano le farmacie galeniche a fare esami che comportano l’acquisto di macchinari da centinaia di migliaia di euro come se le farmacie non fossero una garanzia per i pazienti. Sono escluse diverse patologie (epilessia resistente alle altre terapie, il Parkinson, l’Alzheimer), nonostante gli studi scientifici a riguardo e la pratica medica in altri Paesi, ed ad ogni modo rimane l’autorizzazione alla prescrizione per qualsiasi patologia solo dopo la dimostrazione del fallimento delle terapie tradizionali. Infine risulta vietato guidare per almeno 24 ore dopo l’ultima assunzione quando nemmeno con la morfina è previsto una tale proibizione scritta nero su bianco.

Simile la posizione di farmagalenica.it, dove il dottor Marco Ternelli spiega che “si rende (quasi) impossibile preparare in Farmacia estratti di cannabis a base oleosa, alcolica o altro, mentre non ci sono problemi per il paziente a realizzarli a casa. Attenzione: l’olio o altri estratti di cannabis NON sono stati tolti dal commercio e possono essere comunque prescritti dal Medico: è “solo” più difficile trovare una farmacia in grado di prepararli. E che in qualche modo, si riconosce che il lavoro del Farmacista galenista NON è fonte affidabile per la realizzazione di un farmaco ovvero che un paziente non Farmacista ha più capacità di un Farmacista laureato”.

Infine, problema non da poco, i Radicali hanno denunciato come il decreto comporti la nascita di un monopolio per la produzione di cannabis, in contrasto con la Costituzione.


Insomma, si pensava che con l’avvio della produzione sperimentale di cannabis a Firenze, il decreto potesse essere l’occasione per fare in modo che il nostro Paese diventasse leader nella ricerca e nella somministrazione di farmaci a base di cannabis, dando l’esempio a tutta l’Europa. Purtroppo non solo non è stato così, ma a leggere il decreto sembra che la volontà sia quella di azzerare i risultati ottenuti duramente da pazienti e medici che si confrontato ogni giorno con la burocrazia e la superficialità italiane. Insomma, come spesso accade in Italia, fatta una legge (in questo caso un decreto), bisogna ragionare su come cambiarla.

Anche l’associazione LapianTiamo fa sentire la sua voce spiegando che “Nelle comunicazioni intercorse con i ministeri siamo stati ogni volta rassicurati e rimandati a tavoli di discussione mai organizzati presso i quali sarebbero dovute intervenire anche altre associazioni che come noi, ne avevano fatto richiesta con l’intenzione di parteciparvi argomentando sui vari aspetti di un decreto che stava per essere stilato per meglio consentire l’accesso ai farmaci cannabinoidi su tutto il territorio nazionale.

Il Manifesto ricorda invece come i decreti siano uno strumento normativo più fragile di una legge spiegando che: “Le possibili azioni mirate a una modifica del decreto Cannabis sono molteplici: per esempio, quelle basate sulla prescrizione ‘off label’, cioè al di fuori delle indicazioni ufficialmente approvate, prassi assai frequente da parte di medici e servizi di buona volontà, di per sé legittima salvo l’accresciuta responsabilità del medico in caso di effetti avversi” tenendo presente che “l’uso medico dovesse dar luogo a sanzioni, allora l’apertura di un fronte giudiziario – magari sino alla Consulta – potrebbe portare a quelle modifiche che paiono irrinunciabili”.

Redazione cannabisterapeutica.info

Cannabis terapeutica: un decreto tra divieti e proteste

sabato 12 dicembre 2015

Mexico issues first permits to grow and smoke marijuana

Announcement follows Supreme Court decision last month which legalisation advocates say could pave the wave for full legalisation

The Mexican government has awarded four people the first permits allowing growing and possession of marijuana for personal use.
The Mexican government has awarded four people the first permits allowing growing and possession of marijuana for personal use.  Photo: AP/Eduardo Verdugo, File

Mexico yesterday granted the country’s first ever permits to grow and consume cannabis, in what advocates called a step towards legislation.
Health officials authorised the permits one month after Mexico’s Supreme Court ruled that the individuals- members of a pro-cannabis group- could legally produce marijuana for their own recreational use.
The landmark decision could have widespread implications for the country, where billions of pounds worth of cannabis are cultivated and trafficked annually, and drug cartels are both powerful and brutally violent.
Like the permits issued yesterday, the court’s decision was limited to just the four members, but a series of similar rulings could set a precedent for widespread legalisation.
A supporter of the legalization of marijuana smokes outside the Supreme Court in Mexico CityA supporter of the legalization of marijuana smokes outside the Supreme Court in Mexico City  Photo: AP Photo/Eduardo Verdugo
Advocates of cannabis legalisation say that would block a lucrative revenue stream for the cartels, and help prevent further violence.
President Enrique Peña Nieto opposes legalisation, however, on the grounds that it will lead to further drug use.
The permits granted yesterday state that the four individuals cannot smoke marijuana in the presence of children, pregnant women, or anyone who has not given consent.
All four are members of a group called Smart that is pushing for further steps toward legalisation.
Enrique Pena Nieto declared winner of Mexico election Enrique Pena Nieto   Photo: REUTERS
They now have the right to “sow, grow, harvest, prepare, possess, transport and consume marijuana for recreational uses”, but say their goal is not to use marijuana, but to change government policy.
Dozens of other individuals have already filed applications for permits.
The relaxing of prohibitions against the drug in Mexico would follow a trend in recent years across the Americas.
Uruguay fully legalised cannabis in 2013, the first country to do so.
Four US states have made recreational consumption legal, while approximately half allow cannabis for medical use.
In announcing the Supreme Court’s decision last month, Justice Arturo Zalvidar cited an individual’s “freedom to develop themselves”.
Supreme Court judge Arturo Zaldivar Lelo de Larrea attends a meeting at Supreme Court building in Mexico City.Supreme Court judge Arturo Zaldivar Lelo de Larrea attends a meeting at Supreme Court building in Mexico City.  Photo: REUTERS/Edgard Garrido
“The responsible decision taken to experiment with the effects of this substance — whatever personal harm it might do — belongs within the autonomy of the individual,” he said.
Baroness Meacher, chair of the All-Party Parliamentary Group for Drug Policy Reform, told the Telegraph that she welcomed the November ruling.
"Mexico and other Central American States are aware that prohibition has been a disaster for them," she said. "Increasing numbers of US States have reformed cannabis policy, and more will do so.
"Mexico therefore has nothing to fear and I anticipate sensible health based policies for cannabis in Mexico and elsewhere."


Mexico issues first permits to grow and smoke marijuana

venerdì 11 dicembre 2015

Consumatori di tutto il mondo, uniamoci!

Si è svolta nell’ultima settimana di settembre l’Assemblea Generale di ENCOD (European Coalition for Just and Effective Drug Policies) che raccoglie l’adesione di molte associazioni antiproibizioniste di vari Stati europei.
Oltre a dibattere e trovare una condivisione per una strategia di azione univoca in vista dell’assemblea dell’ONU 2016 sulla politica verso gli stupefacenti, la nostra associazione, presente all’incontro insieme ai rappresentanti di Canapa Info Point e di Over Grow, ha voluto sensibilizzare i partecipanti sulla necessità di risvegliare le coscienze dei consumatori e coltivatori in proprio, da troppo tempo investite da un torpore generato dalla discriminazione e dalla diffidenza dell’opinione pubblica. Abbiamo quindi presentato un Manifesto dei Consumatori e Coltivatori in Proprio, attraverso il quale, formulando una base politica e filosofica, vorremmo stimolare gli estimatori della canapa a rivendicare il libero arbitrio sul proprio stile di vita e difendere la propria dignità.

Crediamo che in questo momento di cambiamento delle politiche internazionali e degli sviluppi in corso nella nostra nazione, il denigrato popolo di consumatori debba iniziare ad organizzarsi aderendo alle forme associative già operanti nei relativi Paesi.

Invitiamo quindi i lettori di Dolce Vita ad aderire all’associazione Canapa Info Point, costituita proprio allo scopo di aggregare il più alto numero di consumatori responsabili e consapevoli, per ottenere credito verso le Istituzioni e creare i primi “nuclei” organizzati. Per informazioni: info@canapainfopoint.it.

MANIFESTO EUROPEO DEI COLTIVATORI E CONSUMATORI IN PROPRIO

La battaglia che viene condotta in molti Paesi per la legalizzazione della canapa, non è una lotta marginale e andando a toccare ed interferire con forti interessi economici e difendendo il diritto alle libere scelte, va a fondersi con tutte quelle battaglie che vengono combattute in difesa dell’ambiente, del diritto alla salute e delle libertà individuali.

Rivendichiamo quindi:
– Il riconoscimento come cittadini con pari dignità dei non consumatori.
– Il riconoscimento delle motivazioni del suo uso: terapeutico, alimentare, spirituale e ricreazionale.
– Il diritto all’autoproduzione per uso privato.
– Il diritto ad una libera e corretta informazione sugli usi e benefici della canapa.

In molte nazioni europee è ancora inspiegabilmente perseguitato chi coltiva anche un numero esiguo di piante, se non addirittura perseguitato in quanto consumatore, con questo Manifesto lanciamo un appello a tutti i consumatori o coltivatori in proprio ad organizzarsi a livello nazionale e contribuire nelle realtà associative per ottenere, nel più breve tempo possibile, il rispetto che la canapa e i suoi estimatori rivendicano in nome del nostro pianeta, della libertà e della dignità.

Consumatori di tutto il mondo, uniamoci!

mercoledì 9 dicembre 2015

ITALIA - Cannabis terapeutica. Decreto ministro Salute in vigore ma sconosciuto al ministero stesso. Denuncia dei Radicali


Sulla Gazzetta Ufficiale del 30 novembre scorso è stato pubblicato il Decreto 9 novembre 2015 del Ministero della Salute (Funzioni di Organismo statale per la cannabis previsto dagli articoli 23 e 28 della convenzione unica sugli stupefacenti del 1961, come modificata nel 1972).

Alle ore 16:00 di mercoledì 9 dicembre, il sito del Ministero della Salute non riporta né il testo del decreto né alcuna notizia sui suoi contenuti.
Giulio Manfredi (Radicali Italiani) e Igor Boni (coordinatore Associazione radicale Adelaide Aglietta):
Il “Decreto Lorenzin” regolamenta per la prima volta la coltivazione, produzione e distribuzione su tutto il territorio nazionale dei medicinali di origine vegetale a base di cannabis. E’, quindi, sorprendente che sul sito del Ministero della Salute non compaia traccia del provvedimento.
Forse il ministro Lorenzin vuole che si parli il meno possibile di un decreto che esclude dall’utilizzo dei farmaci cannabinoidi diverse patologie (per es. l'epilessia resistente alle altre terapie, il Parkinson, l'Alzheimer), e prevede altresì, per le indicazioni ammesse, l'autorizzazione all'uso solo dopo il fallimento di altre terapie. Non sono ammessi estratti come olii e resine e le condizioni per le preparazioni galeniche sono talmente proibitive da porle "fuori mercato". Dulcis in fundo, il decreto introduce il cosiddetto “monopolio fiorentino” per cui l’unico sito abilitato alla coltivazione e produzione della “sostanza attiva” è lo Stabilimento chimico farmaceutico militare di Firenze. Se così fosse ci troveremmo (il condizione è d’obbligo perché il decreto è scritto in puro burocratese di scuola democristiana) di fronte ad una palese violazione del Testo Unico sugli stupefacenti, in particolare dell’art. 17 del DPR 309/90, secondo cui “chiunque voglia coltivare, produrre e commerciare cannabis lo può fare previa autorizzazione del ministero della Sanità; il ministro nel concedere l'autorizzazione, determina, caso per caso, le condizioni e le garanzie alle quali essa è subordinata, sentito il Comando generale della Guardia di finanza nonché quando trattasi di coltivazione, il ministero dell'Agricoltura e delle Foreste”.
La legge parla di “chiunque”, cittadino italiano o meno, fiorentino o meno.
E’ possibile che la Conferenza Stato Regioni, che ha dato il via libera al decreto, non abbia formulato alcuna obiezione sul suo contenuto?
E’ possibile che qualche parlamentare, approfittando anche dello stop ai lavori parlamentari fino a lunedì 14, ponga qualche quesito al governo e al ministro Lorenzin su un decreto tanto clandestino quanto pessimo?

Link al “Decreto Lorenzin”

ITALIA - Cannabis terapeutica. Decreto ministro Salute in vigore ma sconosciuto al ministero stesso. Denuncia dei Radicali

martedì 8 dicembre 2015

MESSICO - Autocoltivazione cannabis. Giudice da' tre giorni di tempo al Governo per l'autorizzazione

Un giudice federale ha concesso tre giorni al Governo perche' disponga i primi permessi per autoconsumo ricreativo di marijuana.
Augustin Tello Espindola, giudice del Decimo Primero de Distrito en Materia Administrativa, ha notificato una richiesta alla Comisión Federal para la Protección contra Riesgos Sanitarios (Cofepris) perche' metta in atto quanto stabilito lo scorso novembre dalla Suprema Corte di Giustizia a quattro persone che avevano fatto richiesta di un simile permesso.
L'autorita' obbligata in merito e' il direttore esecutivo della Regulación de Estupefacientes, Psicotrópicos y Sustancias Químicas, Ernesto Nava Sánchez e titolare della Cofepris, Mikel Arriola, che sara' multato se la sentenza non sara' applicata nei termini richiesti, salvo giustificato motivo.
Vista la complessita' del caso, e' probabile che la Cofepris chiedera' al giudice un lasso di tempo in piu' per ottemperare alla disposizione, dal momento che dovrebbe improvvisare l'inquadramento giuridico dell'autorizzazione.
Fonte giudiziali fanno sapere che la Cofepris potrebbe sostenere l'impossibilita' di provvedere, avvalendosi delle obiezioni in materia sollevate dal ministro Jorge Pardo Rebolledo, l'unico ad aver votato contro. Pardo sostiene che chi ha presentato l'istanza/denuncia non ha chiesto la semina della cannabis, passo indispensabile da fare prima di passare alle fasi successive di coltivazione, raccolta, trasporto e autoconsumo. Anche se i semi possono legalmente essere acquistati in alcuni Stati Usa, la Cofepris non ha il potere di autorizzare la loro importazione e la disposizione non fa riferimento ad altre autorita' federali.

lunedì 7 dicembre 2015

Incontro con gli on. Civati, Ferraresi e Zaccagnini al Canapa Info Point

A seguito delle dichiarazioni fatte, in occasione dell’inaugurazione del CIP, dagli on. Ferraresi e Zaccagnini, sembra che il dibattito alla Camera sulla proposta di legge dell’intergruppo parlamentare, non sia procrastinabile oltre gennaio 2016.
Abbiamo quindi invitato gli on. Civati (Possibile), Zaccagnini (Sinistra Italiana) e Ferraresi (M5S) ad un incontro con le associazioni, per discutere insieme sul contenuto degli articoli della pdl e presentare le osservazioni ed eventuali indicazioni correttive possibili con gli emendamenti che verranno presentati in fase dibattimentale, su alcune parti che non risultano ancora chiare, con lo scopo di poter individuare eventuali contraddizioni a scapito dei coltivatori e consumatori in proprio e fornire ai deputati le informazioni necessarie per poter difendere al meglio, in aula, il nostro punto di vista.
Pensiamo che sia molto utile in questo momento unire gli sforzi, formando un fronte in grado di appoggiare i parlamentari dell’intergruppo nella loro battaglia alla Camera, cosa che cercheremo di concretizzare chiedendo che una delegazione venga ascoltata in audizione dalla Commissione Giustizia prima del dibattito parlamentare.
E’ un incontro che potremmo definire “storico”, essendo la prima volta che una legge sulla regolamentazione della coltivazione domestica arriva al parlamento e che ci si offre l’opportunità di essere voce in capitolo su una legge che delineerà e condizionerà il nostro stile di vita e le nostre scelte come estimatori della canapa.
L’incontro è programmato per il 10 dicembre alle ore 16 presso il Canapa Info Point – Via Pisino 115/VIII – Roma

Direttivo ASCIA

sabato 5 dicembre 2015

Spese per droga e prostituzione in aumento. Perche' non legalizzare e incassare anche le imposte?

Comunicato di Vincenzo Donvito 4 dicembre 2015 14:32

L'Istat ci fa sapere che la spesa delle famiglie per prodotti e servizi illegali, nel 2013, e' stata di 18,4 miliardi di euro, in crescita rispetto agli anni precedenti: l'1,9% dei consumi totali. !4 miliardi spesi per droghe e quasi 4 per la prostituzione, quasi mezzo miliardo per le sigarette di contrabbando. E sono tutti numeri che l'Istat viene a sapere/stimare... quanti saranno quelli che non si sanno... o qualcuno conosce un qualche boss della droga e/o della prostituzione che dica: si', i miei redditi sono tot e tot?
La domanda sorge spontanea: perche' non legalizzare? Legalizzazione che, per quanto riguarda la prostituzione, e' gia' trend normale e sperimentato positivamente nella maggior parte dei Paesi europei e del mondo. Legalizzazione che, per quanto riguarda invece la droga, dove e' gia' stata avviata (terapeutica e ricreativa), sta facendo registrare successi per tutta la comunita', con reati in calo, maggiori introiti fiscali per lo Stato, prevenzione e sanita' sotto controllo. 
Per capire di cosa stiamo parlando, tralasciando il contrabbando di sigarette perche' e' comunque un fenomeno endemico anche in un regime legale. Se ai 18 miliardi di droga e prostituzione applicassimo la percentuale 22 dell'Iva, per lo Stato (e per l'Ue nella sua percentuale in merito, 0,3) sarebbero quasi 4 miliardi (3.960.000.000) di introiti. Poi ci sarebbero le tasse per una serie di redditi di mestieri e professioni collegate, e oggi inesistenti o regalate al mercato nero. A cui aggiungiamo le molto minori spese di polizia e magistratura non piu' impegnate a perseguire reati e illeciti che non sarebbero piu' tali.
Due+due fa quattro! E la sirena stonata di chi continuera' a raccontarci che cosi' sarebbero aperte le porte alla dissoluzione della gioventu'? E' proprio quest'ultima che risponde con una pernacchia: rifornendosi di sostanze illegali (essenzialmente cannabis) ovunque gli capita, con -e questo si' che e' veramente pericoloso- rivolgendosi al mercato nero gestito da varie delinquenze ed esponendosi a offerte di prodotti piu' lucrativi per chi vende loro la merce ma potenzialmente piu' dannosi per loro (eroina, cocaina, metamfetamine, etc).
Perche' non si procede, e anche speditamente? Tonnellate di inchiostro vengono utilizzate ogni giorno per ricordare i vantaggi della legalizzazione, e noi fra questi con un quotidiano online, … ma tutto e' sempre al palo, e la follia del mercato regalato alle delinquenze nazionali ed internazionali, continua ad imperversare. Ora nel nostro Parlamento sembra che qualcosa si stia muovendo, ma e' proprio qualcosina pur se ben supportato da centinaia di adesioni di deputati. Qualcosina perche', rispetto all'urgenza di un intervento in merito, davanti abbiamo solo i tempi e metodi tradizionali, contorti e disseminati di ostacoli e sgambetti, piu' o meno interessati, per pruriti ideologici ed economici.

Spese per droga e prostituzione in aumento. Perche' non legalizzare e incassare anche le imposte?

giovedì 3 dicembre 2015

INTERNATIONAL CANNABIS BUSINESS CONFERENCE (ICBC)

OMBC a Sold-Out Success, ICBC Next Up on February 13-14 in San Francisco

By ICBC Staff

The Oregon Marijuana Business Conference (OMBC) was an overwhelming success that far exceeded the expectations of conference organizers and feedback from vendors and attendees has been tremendous. More than 700 people crowded into the Ashland Hills Hotel and Suites to hear from lawyers, activists, politicians and industry experts about the latest developments in Oregon marijuana law. We are already working hard to ensure that our next conference, the International Cannabis Business Conference (ICBC) in San Francisco, will be our best event yet.



For more: INTERNATIONAL CANNABIS BUSINESS CONFERENCE (ICBC)