cookie

Translate

mercoledì 30 ottobre 2013

Ethan Nadelmann: We Have Reached The Marijuana Policy Reform 'Tipping Point'

Last week, more than 1,200 drug reformers from around the world gathered in Denver at the International Drug Reform Conference to talk about policy reform and find "an exit strategy from the war on drugs," as Tony Newman with the Drug Policy Alliance said in a statement about the conference.

One of the most energetic and impassioned speeches over the three-day conference was delivered by Drug Policy Alliance executive director Ethan Nadelmann who said that the world has hit "the tipping point on marijuana."

"[It's] Because of what Colorado and Washington did and what Uruguay is going to do," Nadelmann said, referring to both states' legalization of recreational marijuana in 2012 and Uruguay's expected passage of its own marijuana legalization laws, which will make it the first country in the world to establish rules for the production, distribution and sale of marijuana for adults. Nadelmann also cited the Department of Justice's decision to let Colorado and Washington's new marijuana laws go into effect without a challenge.

"And we've hit the tipping point because 58 percent of our fellow citizens say it's time to legalize marijuana," Nadelmann said to applause from the conference audience.

Just last week, Gallup released a poll showing that 58 percent of Americans think that marijuana usage should be made legal, which is the first time in U.S. history that more than half of Americans have expressed support for legalization.

Although marijuana policy reform has come a long way recently, Nadelmann was quick to stress that more work is still needed. "We may be at the tipping point with marijuana -- two states down, 48 to go. And hopefully one country down, 200 to go -- that's a long way to go. So we have to be smart."

He explained that "being smart" means states like Colorado and Washington will have to bear the burden of leadership in the end of pot prohibition. "Your system is going to have to be tighter and more restricted and constrained than sometimes seems reasonable -- so that the rest of the country can be reassured that this is the right way to go," Nadelmann said.

American drug policies are complex and tied to many national systemic problems that also need solving, including mass incarceration and racism, Nadelmann said. He added that if the U.S. is at a tipping point with marijuana then "we're only at a turning point when it comes to mass incarceration in America."

"We have, in America, been truly exceptional," he said. "Nobody in the history of democratic society has locked up fellow citizens in the way we do. Nobody has. Nobody has locked up black people the way we do. Nobody did these sorts of things."

"I am fighting so that America becomes average."

Ethan Nadelmann: We Have Reached The Marijuana Policy Reform 'Tipping Point'

Ethan Nadelmann: We Have Reached The Marijuana Policy Tipping Point


mercoledì 23 ottobre 2013

Uruguay to sell legal marijuana for $1 a gram

President José Mujica presses on with plan to create government-run legal marijuana industry to combat criminals

Associated Press in Montevideo
theguardian.com, Tuesday 22 October 2013 07.56 BST
The measure would make Uruguay the first country in the world to license and enforce rules for the production and sale of marijuana. Photograph: Anthony Bolante/Reuters
Uruguay's drug tsar says the country plans to sell legal marijuana for $1 a gram to combat drug-trafficking, according to a local newspaper.

The plan to create a government-run legal marijuana industry has passed the lower house of Congress, and Uruguay's president, José Mujica, expects to push it through the Senate soon as part of his effort to explore alternatives in the war on drugs.


The measure would make Uruguay the first country in the world to license and enforce rules for the production, distribution and sale of marijuana for adult consumers.

Marijuana sales should start in the second half of 2014 at a price of about $1 a gram, drug chief Julio Calzada told Uruguay's El País, on Sunday – an eighth or less of what it costs at legal medical dispensaries in some US states.

Calzada said one gram would be enough "for one marijuana cigarette or two or three slimmer cigarettes".

He said the idea was not to make money but to fight petty crime and wrench the market away from illegal dealers.

"The illegal market is very risky and of poor quality," he said. The state was going to offer "a safe place to buy a quality product and on top of that, it's going to sell it at the same price".

In August, Calzada had estimated the price would be about $2.50 a gram. Sales would be restricted to locals, who would be able to buy up to 40g a month.

Smoking pot has long been legal in Uruguay, but growing, carrying, buying or selling it has been punishable by prison terms.

About 120,000 Uruguayans consume marijuana at least once a year, according to the National Drug Council. Of these, 75,000 smoke it every week and 20,000 every day.

In the US, the states of Washington and Colorado have legalised marijuana and adopted rules governing its sale. Unlike Uruguay, they will tax marijuana, seeing it as a revenue source, when it goes on legal sale next year.

In Washington, the state marijuana consultant has projected legal pot might cost $13-$17 a gram. Marijuana in the medical dispensaries typically ranges from $8-$14 a gram in Washington depending on quality.

Uruguay to sell legal marijuana for $1 a gram

Amnistia? Indulto? Basterebbe abrogare la Fini-Giovanardi!

I dati forniti dal ministro della Giustizia sul numero dei carcerati in relazione al reato commesso, non fanno che confermare quanto sosteniamo ormai da molti anni e finora inutilmente, ma forse adesso se ne stanno accorgendo anche “loro”!

Abbiamo sempre denunciato e cercato di evidenziare che, se un terzo dei detenuti è in carcere o sotto procedimento penale a causa di una sola legge e tutti gli altri in virtù delle altre migliaia di leggi che riempiono il nostro codice penale, allora vuol dire che quella legge è il fulcro, l’alimentatore e il sostentamento di tutto il meccanismo giudiziario, dall’impiego delle FF.OO, all’attività forense, per arrivare al sistema carcerario o di recupero, muovendo somme di denaro per noi inimmaginabili!

Non c’è bisogno di indulti o amnistie, basterebbe abrogare la Fini-Giovanardi!

Effettivamente i dati forniti dal ministero evidenziano il dramma del numero di persone ristrette in carcere per la legge attuale, come dichiarato dal ministro della giustizia Anna Maria Cancellieri (fonte: www.asca.it):

“Il reato per il quale è ristretto il maggior numero di detenuti è quello di produzione e spaccio di stupefacenti. Per tali fattispecie sono ristrette ben 23.094 persone. Di queste, 14.378 sono condannate definitivamente mentre 8.657 sono in custodia cautelare e 59 internate”.

Basta anche analizzare gli altri dati forniti dal ministero riguardante i numeri di detenuti in ordine ad altri reati, per comprendere l’assurdità di una politica repressiva senza eguali in Europa:

“Il secondo reato è la rapina con 9.473 presenze (5.801 sono i definitivi, 3564 i giudicabili e 108 gli internati); il terzo reato è l’omicidio volontario con 9.077 presenze ( 6.049 sono i definitivi, 2.792 i giudicabili e 236 gli internati); il quarto è l’estorsione con 4.238 presenze (2.180 sono i definitivi mentre 1.982 sono i giudicabili e 76 gli internati); il quinto reato è il furto con 3.853 presenze (1.952 sono i definitivi, 1.824 i giudicabili e 77 gli internati); il sesto reato è la violenza sessuale con 2.755 presenze (2.001 sono i definitivi, 709 i giudicabili  e 45 gli internati); il settimo è la ricettazione con 2.732 presenze (1.897 sono i definitivi, 809 i giudicabili e 26 gli internati). Sono 1424, invece, i detenuti per associazione di stampo mafioso. Seguono, con circa 500 detenuti, il sequestro di persona, l’associazione per delinquere, la violenza privata, violenza e resistenza a pubblico ufficiale, maltrattamenti in famiglia, atti sessuali con minorenni”.

Ed è evidente che la legge antidroga in vigore (Fini-Giovanardi) da sola produce più detenuti dei tre reati che la seguono in classifica messi insieme:

Stupefacenti 23.094

rapina: 9.473

omicidio volontario: 9.077

estorsione: 4.238

Questo perchè nel ‘calderone’ carcerario non sono finiti solo trafficanti, ma sopratutto semplici consumatori, o soggetti accusati di spaccio per avere superato i limiti imposti da una legislazione criminale. Considerando poi che la maggior parte di questi detenuti per ‘droga’ lo è per possesso o coltivazione di cannabis, si deduce che una modifica della legge attuale, possa portare benefici duraturi, che non esisterebbero con amnistia o indulto, che sono operazioni di facciata (più che altro per evitare le sanzioni europee) che incidono sull’entità della pena, o non sulla tipologia di reato.

La prima cosa da fare è eliminare dal codice penale quei reati che non danno nessun allarme sociale, come è il consumo e coltivazione di cannabis.

Giancarlo Cecconi e Davide Corda – ASCIA

 Amnistia? Indulto? Basterebbe abrogare la Fini-Giovanardi!

domenica 20 ottobre 2013

The Day After Colorado Legalizes Marijuana

New Laws Chart Course for Marijuana Legalization

How Colorado and Washington govern their legal pot markets will be a test case for the rest of the United States

By Eliza Gray Oct. 19, 2013


Nearly a year after Colorado and Washington voted to become the first states to legalize recreational marijuana, the detailed rules governing how pot will be grown, sold and taxed are finally complete. And as the two states implement their different approaches to getting high, the whole world is watching.


This week, the American Civil Liberties Union announced a new panel, headed by California Lt. Governor Gavin Newsom, to draft a possible 2016 ballot measure to legalize pot in the Golden State, where an earlier attempt failed in 2010. The panel will study the implementation of Washington and Colorado’s laws to see how they might serve as a model for California, according to member and ACLU attorney, Alison Holcomb. Lawmakers and academics from Uruguay, Brazil, Mexico, Chile, Canada and the United Kingdom have also expressed interest in learning from the states’ experiences.

Think of it as an A/B test for legal pot. While Colorado and Washington’s laws are based on a similar model  they both tax and tightly regulate legal markets for marijuana, require rigid security and third-party-laboratory testing, limit sale to people over 21 and the amount an adult can carry, prohibit out-of-state investment, and track marijuana closely from “seed-to-sale,” — there are important differences between the two approaches.

Washington has imposed a heavy 25% tax on each of the three parts of pot production: producer to processor, processor to retailer, and retailer to customer. Regulators say that will put the price of marijuana pre-tax at an average of $12 a gram, a price that the ACLU’s Holcomb says is competitive with illicit pot on the street. Colorado votes on its pot tax — a less onerous 15% excise tax and 10% sales tax, next month. Sam Kamin, a professor at the University of Denver who advised Colorado on its regulations and who will also be serving on the ACLU’s panel to devise a plan for California, says finding the “sweet spot” for taxation is key. “We want this to be self-funding regulation that is robust, but we don’t want the price of legal marijuana so much higher than the black market that it becomes attractive again.”

Unlike Colorado, Washington has imposed a cap on the total amount of marijuana that can be produced per year in the state. On the advice of UCLA professor Mark Kleiman, dubbed the “hemperor” because of his deep involvement in marijuana policy, regulators at the Liquor Control Board decided to cap the legal market at 80 metric tons — 40 for usable marijuana and 40 for other marijuana products. The chief rationale behind limiting annual production is to avoid “diversion” — when surplus legal pot is illegally smuggled to other states — says Brian Smith, a spokesman for the Washington State Liquor Board. Diversion is a major concern of federal authorities, and while Colorado has not imposed a cap, regulators say they might do so in the future if it is necessary.

Representatives from the marijuana industry differ on the merits of a cap. Stephen DeAngelo, president of the Arc View investment group, which focuses on marijuana investments, says caps are necessary because if there is too much marijuana flooding the system, retailers fight to keep prices down, which incentivizes them to cut corners on quality and safety measures like lab testing. Aaron Smith, executive director of the National Cannabis Industry Administration disagrees. “By limiting the legal market, they are enriching the illegal market,” Smith says.

Colorado and Washington will also license pot businesses differently. For the first few months of the new market, Colorado requires “vertical integration,” which means that every marijuana business must be involved in all parts of the business–growing, processing, and selling — to get a license. Brohl, the state’s regulator, says they did this because they thought it would initially limit the number of businesses, making it easier to control the new market. Starting this summer, Colorado will open the market to those interested in specialized roles. By contrast, Washington prohibits ”vertical integration” and instead only permits businesses to get licensed in one stage of production: growing, processing or selling. Washington’s intent, says Smith, the spokesman for Washington’s Liquor Control Board, was to avoid allowing monopolists to keep prices artificially high.

Washington’s regulations aren’t stricter on all fronts. Colorado has a stringent two-year minimum residency requirement for any owner or investor, while Washington has only a three-month requirement. These rules essentially prohibit out-of-state investment in the growth and production of marijuana (though they don’t bar investment in ancillary businesses, like, say, a phone app that offers a map of different providers). One reason for this, regulators and experts say, is to reassure the federal government that illegal drug money from across the country and around the world is not entering their legal marijuana markets. DeAngelo, who opposes the restrictions, says they might also stem from a fear of competition from growers from other states, particularly in Colorado where medical marijuana growers have already gained a foothold in the industry.

Kamin is hopeful that the evidence that comes out of Colorado and Washington will be able to help California devise its own plan for a regulated marijuana market by 2016. “We’ll have good data on what happens in Washington and Colorodo by then,” he says.

New Laws Chart Course for Marijuana Legalization

giovedì 17 ottobre 2013

ITALIA - Il maggior numero di detenuti e' dentro per droga. Ministro Cancellieri

''Il reato per il quale e' ristretto il maggior numero di detenuti e' quello di produzione e spaccio di stupefacenti''. Lo ha detto il ministro della Giustizia, Annamaria Cancellieri, in audizione davanti alla Commissione della Camera. ''Per tali fattispecie sono ristrette ben 23.094 persone: di queste 14.378 sono condannate definitivamente mentre 8.657 sono in custodia cautelare e 59 internate''. Il secondo reato, ha ricordato il ministro, ''e' la rapina con 9.473 presenze: 5.801 sono i definitivi, 3564 i giudicabili e 108 gli internati''. Al terzo posto ''e' l'omicidio volontario con 9.077 presenze ( 6.049 sono i definitivi, 2.792 i giudicabili e 236 gli internati)''. Ancora, ha detto il guardasigilli, ''il quarto reato e' l'estorsione con 4.238 presenze (2.180 sono i definitivi mentre 1.982 sono i giudicabili e 76 gli internati); il quinto reato e' il furto con 3.853 presenze (1.952 sono i definitivi, 1.824 i giudicabili e 77 gli internati). Il sesto reato e' la violenza sessuale con 2.755 presenze (2.001 sono i definitivi, 709 i giudicabili e 45 gli internati); il settimo e' la ricettazione con 2.732 presenze (1.897 sono i definitivi, 809 i giudicabili e 26 gli internati)''. ''Sono poi 1.424 i detenuti per associazione di stampo mafioso (si tratta di un numero basso trattandosi di reato spesso associato a fattispecie di maggiore gravita' come l'estorsione o l'omicidio). Seguono, con circa 500 detenuti - ha concluso il ministro - il sequestro di persona, l'associazione per delinquere, la violenza privata, violenza e resistenza a pubblico ufficiale, maltrattamenti in famiglia, atti sessuali con minorenni''.

ITALIA - Il maggior numero di detenuti e' dentro per droga. Ministro Cancellieri

martedì 15 ottobre 2013

Tutti gli animali sono uguali, ma alcuni sono più uguali degli altri.

Egregio Direttore, trovo sconfortante la ventata di "trasparenza e democrazia" che il movimento 5 stelle sta portando in Italia. Una "nuova politica" che, con la Giornata della Democrazia, ha celebrato quello che, a mio parere, è l'ennesimo esempio di una "democrazia autoreferenziale". Mi spiego meglio.
La Democrazia "ovvero sistema di governo in cui la sovranità è esercitata, direttamente o indirettamente, dall'insieme dei cittadini" ha trovato in questa giornata, organizzata dalla giunta comunale, un triste momento di "coercizione democratica", una piccola "importazione" di democrazia "Yankee style".
Ho letto con curiosità l'impressione del sig. Lelio Pallini sull' assemblea dei cinquecento. Perchè il movimento 5 stelle già si era fatto portatore di idee innovative, come le assemblee pubbliche, nelle quali poter avanzare idee "da portare in consiglio comunale" a seguito di democratiche votazioni dei presenti. Persone che volontariamente si erano riunite per portare all'attenzione dei consiglieri, anche presenti, idee sulla gestione della cosa pubblica comunale. Erano emerse idee interessanti e le votazioni furono piuttosto sorprendenti riguardo a certi temi.
Il risultato di quelle assemblee, però, è stato un semplice "esercizio di democrazia". Come dire, vi abbiamo ascoltato, vi abbiamo fatto presente cosa "significherebbe" democrazia, ma tanto continueremo, come gli altri, a fare quello che ci pare.
In democrazia, specialmente con la presenza dei consiglieri comunali alle votazioni, questo genere di incontri sarebbero dovuti servire a portare nuova linfa di discussione alla vita comunitaria cittadina, un momento di ascolto. Se l'idea era quella di portare in consiglio comunale idee dei cittadini, quella sarebbe stata una delle occasioni per eccellenza.
Quella sarebbe la "Democrazia". Persone riunite liberamente, che propongono e votano idee da portare in consiglio comunale da discutere e aprire un dibattito.
Peccato che non sia stato così. Le idee non sono mai state discusse.
Ho letto con curiosità la lettera del sig. Pallini, perchè quando fa riferimento alla "gestione razionale del tempo", forse non ha assistito al genere di assemblee pubbliche in precedenza organizzate per "ascoltare" i cittadini, il cui numero di partecipanti (considerando i circa 120 sopravvissuti a fine giornata), di li poco si scosta. In oltre, le assemblee pubbliche, non hanno mai impegnato una macchina organizzativa così pomposa ed imponente, tanto da smobilizzare il palazzetto dello sport! A questo genere di assemblee non era necessario "avere un invito", senza il quale rischiare di essere "rimbalzati". Non erano necessarie un sacco di spese inutili per organizzare un incontro chiuso, proprio da coloro che sono attenti all'euro di spesa e che si dichiarano a favore della trasparenza e della partecipazione.
L' ultima assemblea pubblica del movimento cinque stelle, alla quale partecipai con speranza, contava poco più di un centinaio di persone (confrontati ai 120 sopravvissuti dell'assemblea dei 500). E' durata poco più di 3 ore (non è stata una maratona di una giornata). Sono state fatte votazioni su 7 argomenti diversi (non su un tema solo): dalla viabilità, al turismo, a tematiche ambientali. La proposta più votata, da 95 dei presenti, riguardava il turismo; al secondo posto, con 93 voti, è stata votata la possibilità di distribuzione di cannabis attraverso farmacie comunali sotto prescrizione medica, per ridurre lo spaccio, aumentare la sicurezza, creare nuove entrate per il comune. E questa proposta, è passata; con 51 voti favorevoli 14 contrari e 28 astenuti. I numeri poco si discosteranno dalle votazioni del palazzetto, vista la partecipazione all'evento. Quindi, cosa conferisce autorità ad una assemblea piuttosto che ad un'altra, in democrazia? In democrazia ci sono assemblee che contano di più di altre o il popolo è sovrano e andrebbe ascoltato in qualsivoglia forma organizzata propositiva?
Diciamocelo, la democrazia presentata da questa giunta non è "5 stelle". A vedere questa assemblea dei 500, l'impressione che ho avuto è stata quella di rileggere il racconto di George Orwell "la fattoria degli animali" dove «Tutti gli animali sono uguali, ma alcuni sono più uguali degli altri.»