cookie

Translate

martedì 29 settembre 2015

Marola presenta il suo libro sulla cannabis alla Camera


Giovedì 1 ottobre alle 13, presso la sala stampa della Camera dei Deputati, Pippo Civati e Rita Bernardini insieme all’autore parmigiano Luca Marola, presenteranno in conferenza stampa il nuovo volume “Legalizzare con successo – l’esperienza americana sulla cannabis”.

La presentazione in anteprima del volume avviene contestualmente all’apertura dei primi negozi di vendita al dettaglio nello stato dell’Oregon grazie alla vittoria referendaria avvenuta nel novembre 2014 che ha portato l’Oregon alla completa legalizzazione e regolamentazione della cannabis entro i propri confini ed affiancando, così, gli stati di Colorado, Washington, Alaska.

Il dibattito sulla regolamentazione della cannabis ha finalmente contagiato anche l’Italia. Oramai la legalizzazione della cannabis non è solo riconosciuta da ampi strati della società italiana come una buona idea, soprattutto se paragonata al totale fallimento delle politiche repressive e proibizionistiche applicate finora, ma anche come una buona pratica di governo del fenomeno. Dal 2014 Colorado, Washington, Oregon, Alaska e Washington, DC hanno completamente legalizzato il mercato della marijuana con risultati positivi e sorprendenti.

“Legalizzare con successo” raccoglie le testimonianze della stampa statunitense che, senza pregiudizi ideologici, ha osservato da vicino l’emersione del mercato legale della cannabis e le ricadute positive sull’intera società. Ricco di dati, cifre, aneddoti e opinioni, “Legalizzare con successo” è un ottimo strumento per conoscere i benefici che la legalizzazione porterebbe anche in Italia.

mercoledì 23 settembre 2015

Politics of pot: how the US cannabis industry plans to spend big in the 2016 election

As marijuana dollars flow to Rand Paul, some advocates are also hopeful about Hillary Clinton's softening drug stance

By Raf Sanchez, Washington

After handing over their campaign donation cheques, the smartly dressed business people took their seats at a large horseshoe table inside the Colorado convention centre.
The room was drab and grey and the gathering looked no different from any of the other daily fundraising events that are pumping hundreds of millions of dollars into the 2016 presidential campaign.
But the business executives being courted by Rand Paul, a libertarian-leaning Republican senator, were not lawyers or bankers or oil men. They were the leaders of America's rapidly growing cannabis industry, men and women becoming rich selling a product that is technically just as illegal as heroin or LSD.
"It was a historic moment," said Tripp Keber, head of Dixie Brands, a company that sells cannabis-infused fizzy drinks and other marijuana products. "This is the first time a presidential candidate has openly dealt with an industry still considered illegal at the federal level."
As marijuana becomes big business in America, its political clout is also growing. Politicians are no longer embarrassed to be seen in public with so-called “pot barons” and the cannabis industry is gearing up to be a significant player in next year’s presidential election.
Just as coal companies and Wall Street banks use campaign dollars to get politicians’ attention, the makers of pot brownies and cannabis tea are prepared to spend big to get their message across. There is even talk of a marijuana super-PAC which could run television ads in support of cannabis-friendly candidates.

The “holy grail” of their lobbying efforts is to get marijuana decriminalised and out of the legal grey zone where it is now stuck.
Under US national law, marijuana is still prohibited but the Obama administration has stepped aside to allow individual states to experiment with legalisation.
That means you buy marijuana perfectly legally under state law while at the same time violating federal laws.
Cannabis is now legal for recreational purposes in four states and can be purchased medicinally in 23 states. Colorado is the heart of America’s marijuana business and laws there are more relaxed than Amsterdam, with marijuana available over the counter in upmarket dispensaries that look like high-end wine shops
Arcview, a firm that gathers investment data, calls cannabis “the fastest growing industry in America” and forecasts it will grow from its current value of $3.4 billion to more than $10 billion by 2019. Last year around 1.5 million Americans are estimated to have bought marijuana products legally under state law.

Yet for all the celebratory news coming out of the industry, business leaders and activists are still trying to strike down the federal ban on cannabis, which they compare to the failed 1920s prohibition on alcohol.
"Marijuana exists on every street corner in America,” said Mr Keber. “Why allow the drug cartels to fill their coffers and fuel narco-terrorism when we can tax it, track it and regulate it?”
And so cannabis supporters are looking for champions among the 2016 presidential candidates. Rand Paul is so far the leading contender and earned an A- ranking from the Marijuana Policy Project (MPP) for his calls to let states decide their own drug laws.
Cannabis leaders responded with more than $100,000 (£65,000) in donations at his Colorado fundraiser, the maximum they could give, and the National Cannabis Industry Association’s political action committee gave another $5,000.
While Bill Clinton famously said he smoked marijuana at Oxford but “did not inhale”, Hillary Clinton maintains that she has never tried cannabis and has no plans to.

Yet with polls showing a majority of Americans believe cannabis should be legal, Mrs Clinton’s own positions have softened and she is open to continuing Barack Obama’s policy of allowing states to experiment with legalisation. “States are laboratories of democracy,” she said last year. “I want to wait and see what the evidence is.”
She was given a B- ranking and activists are hopeful she will recognise marijuana reform is important to parts of the Democratic base. Many younger voters are excited by the idea and it is a racial justice issue for some African Americans, who are disproportionately prosecuted on cannabis charges.
Donald Trump earned a C in the MPP rankings and the harshest grade, an F, was reserved for Chris Christie, the outspoken governor of New Jersey. A former federal prosecutor, Mr Christie promised he would “crack down” and order the FBI to resume raids even in states that have legalised marijuana.
Marijuana advocates are also finding allies among both Democrats and Republicans in Congress. “When I started doing this in 2009 my emails would often go unreturned,” said Dan Riffle, a cannabis lobbyist. “Now people understand this is a serious issue and not just a bunch of stoners in tie-dye saying ‘free the weed.’”

Dana Rohrabacher, a Republican congressman from a conservative district in California, is one of those allies and recently succeeded in passing a provision that bars the US government from prosecuting medical marijuana users in states that have legalised.
Sitting on a leather seat in a Congressional hallway, Mr Rohrabacher reflected on how the debate had changed since he arrived in Congress in 1989. “Talking about marijuana used to be taboo here but it’s not anymore.”
The Republican estimated that he lost around one per cent of the vote among people opposed to legalisation when he came out as a marijuana supporter but that he picked up 5-10 per cent among liberals.
The medical cannabis business in California is worth around $1.3 billion and Mr Rohrbacher said that marijuana executives usually fill one of the seven tables at his fundraising events.

“You’ve got the credit union people sitting at one table and the energy people sitting at one table and now you’ve got the marijuana people sitting there too,” he said. “In all, it’s been a very big plus politically.”
Tripp Keber, the Colorado marijuana businessman, said that even a few years ago local politicians were anxious not to be publicly linked with cannabis and would accept donations in cash during backroom meetings while presidential candidates would come nowhere near.
Today, he is donating to candidates at the local, state, and federal level.
"Those backroom meetings don't happen anymore. Now we're in restaurants or hotel penthouses," he said. “The tide has really turned and I think the power of cannabis is going to be a factor in presidential elections going forward.”

Politics of pot: how the US cannabis industry plans to spend big in the 2016 election

lunedì 21 settembre 2015

Cannabis, parliamone assieme


Cannabis terapeutica. D’Ambrosio Lettieri: “Farmacisti in prima fila in questa battaglia di civiltà”

“Favorire l’accesso ai farmaci più appropriati per il trattamento del dolore e dei sintomi di alcune patologie gravi come la sclerosi multipla è un impegno che per i farmacisti continua sul campo, nella dispensazione quotidiana e nella preparazione galenica dei farmaci a base di cannabinoidi”. Così il presidente dell’Ordine dei farmacisti Bari e Bat nel corso di un convegno sul tema tenutosi ieri ad Andria.

20 SET - “L’uso terapeutico della cannabis è legge e in Puglia è in vigore dal febbraio 2014 la disposizione che ne stabilisce le modalità di erogazione. Conoscere e approfondire queste modalità è un passo importante per garantire ai pazienti un servizio omogeneo, che risponda efficacemente alle loro esigenze, e anche per individuare eventuali criticità. Favorire l’accesso ai farmaci più appropriati per il trattamento del dolore e dei sintomi di alcune patologie gravi come la sclerosi multipla, sia semplificando le procedure di dispensazione e di approvvigionamento delle sostanze stupefacenti per uso terapeutico, sia partecipando alla battaglia culturale e di civiltà perché anche in Italia si affermasse un orientamento moderno in questo importante capitolo della tutela della salute, è stato ed è un impegno che per i farmacisti continua sul campo, nella dispensazione quotidiana e nella preparazione galenica dei farmaci a base di cannabinoidi”. E’ quanto sostiene in una nota il senatore dei Conservatori e Riformisti, Luigi d’Ambrosio Lettieri, presidente dell’Ordine interprovinciale dei Farmacisti di Bari e Bat che, con la Fondazione Ruggieri, ha organizzato il convegno “Cannabis, uso terapeutico, norme e preparazioni galeniche”, tenutosi oggi ad Andria.
Sono intervenuti i docenti dell’Università degli Studi di Bari Giovanni Lentini, professore associato di Farmacologia e Chimica tossicologica e Marcello Diego Lograno, professore Farmacologia e tossicologia, oltre all’amministratore delegato di Farmalabor, Sergio Fontana e al vice presidente dell’Ordine dei Farmacisti Bari e Bat, Michele Dalfino Spinelli.

La norma regionale, che recepisce le disposizioni del Decreto ministeriale n. 98 del 2007, consente l’utilizzo di medicinali e preparati galenici magistrali a base di principi attivi cannabinoidi per finalità terapeutiche e ne disciplina l’accesso. “Attualmente - spiega d’Ambrosio Lettieri - sono commercializzate, in Italia, le infiorescenze essiccate di cannabis sativa per l’allestimento di preparazioni magistrali, prodotte in Olanda dalla azienda Bedrocan BV, autorizzata dal Ministero della salute olandese alla produzione ed esportazione della cannabis”.

"Le infiorescenze - ha aggiunto - sono reperibili su tutto il territorio nazionale e, in particolare, sono distribuite anche dall’azienda farmaceutica pugliese Farmalabor, autorizzata dal Ministero della Salute e nel rispetto delle Convenzioni internazionali in materia di medicinali stupefacenti”. Quanto alle prescrizioni, le regole riguardano tre casi: prescrizione con ricetta a cura di neurologi dei centri ospedalieri di sclerosi multipla, in analogia con le indicazioni terapeutiche del medicinale industriale Sativex (approvato dall’Aifa), per alleviare i sintomi in pazienti adulti affetti da spasticità nella sclerosi multipla; preparato galenico prescritto come antiemetico in terapia antiblastica (approvata in Europa) con ricetta redatta anche dal medico di famiglia; preparato galenico prescritto nella terapia del dolore o per tutte le altre applicazioni farmaceutiche, laddove vi sia letteratura scientifica a supporto, ma in assenza di un medicinale industriale. La ricetta deve essere redatta in conformità all’art. 5 della legge 94/98 (legge Di Bella).

Cannabis terapeutica. D’Ambrosio Lettieri: “Farmacisti in prima fila in questa battaglia di civiltà”

venerdì 18 settembre 2015

Illegittima l'esclusione di Rita Bernardini Garante dei Detenuti abruzzesi: abbiamo presentato ricorso al Tar

Dichiarazione dell'avv. Vincenzo Di Nanna - Segretario di Amnistia, Giustizia e Libertà Abruzzi:
"L'esclusione della candidatura di Rita Bernardini a ricoprire la carica di Garante dei Detenuti abruzzesi è illegittima: abbiamo presentato ricorso al Tar". Lo dichiara l'avv. Vincenzo Di Nanna, segretario di Amnistia, Giustizia e Libertà Abruzzi.
"Oltre alla palese violazione della legge Severino, è stata infatti invasa la sfera di competenza del Consiglio Regionale, a cui spettava, in via esclusiva, il compito di deliberare sull'ammissibilità o meno della candidatura: ci troviamo invece davanti a una decisione politica che è stata presa per via amministrativa. Pertanto, insieme agli avvocati Paolo Mazzotta e Giuseppe Rossodivita abbiamo deciso d'impugnare il respingimento della candidatura, fermo restando che ci auguriamo sia la stessa Amministrazione Regionale a riammetterla in autotutela. La Regione darebbe così un grande segnale in un momento drammatico per le condizioni delle carceri italiane, riparando a questo grave precedente con un primo passo che indichi invece la volontà di cominciare a provvedere a una situazione inaccettabile per l'Italia intera, come ricordato da papa Francesco nella sua richiesta di un provvedimento di clemenza".
"Il curriculum di Rita Bernardini è infatti ineguagliabile non solo per la sua straordinaria competenza ed esperienza, ma anche per via della sua continua e diretta vicinanza alle problematiche dei detenuti afflitti dalla illegalità in cui vertono loro malgrado gli istituti di pena in un paese che, come sottolinea instancabilmente Marco Pannella, è in flagranza di reato contro i diritti umani più basilari. Correggere autonomamente l'illegittimità della esclusione dell'on. Bernardini sarebbe quindi un atto politico in controtendenza e un modo, una volta tanto, di 'essere speranza' a fianco dei Radicali. Nel frattempo, dalla mezzanotte di ieri, la candidata esclusa ha intrapreso uno sciopero della fame dopo l'ennesimo tentato suicidio in un istituto di pena, questa volta a Modena, dove un detenuto che soffre di problemi mentali si trova attualmente in coma: il suo legale aveva presentato ripetutamente istanza di scarcerazione, ma non ha ricevuto risposta in quanto l'ufficio di sorveglianza si trova da due anni sprovvisto del giudice previsto in organico".


Illegittima l'esclusione di Rita Bernardini Garante dei Detenuti abruzzesi: abbiamo presentato ricorso al Tar

sabato 5 settembre 2015

Si torna dalle vacanze ... si smette di parlare di cannabis

Dopo una estate ricca di chiacchiere a parlare di cannabis ... torna il silenzio. 



Le speranze iniziali sul lavoro dell'intergruppo sulla legalizzazione non sembrano prendere lo slancio travolgente auspicato. Anzi il lavoro dell'intergruppo sembra perdere la forza fomentata dalle istanze della società e si sta dimostrando incapace di consolidare il proprio lavoro e quello delle associazioni da anni impegnate in questa battaglia. L'autoreferenzialità della politica sul tema cannabis, ancora una volta, traduce in fatti il distacco tra politica e cittadini.

I media finalmente si sono resi conto che la proibizione ha fallito, ma la maggioranza dei cittadini attende risposte passivamente più che stimolare il dibattito su un tema ancora tabù. I pochi impegnati, che ora trovano sostegno in un dibattito che sta svelando fallimenti decennali, non trovano nella politica lo stesso sostegno e supporto che ha stimolato i politici a creare un gruppo politico trasversale, ancora minato da interessi particolartisti di fazione.
I gangli del potere ancora non accettano una svolta antiproibizionista. Se negli USA, vengono cercate e remunerate figure quali assaggiatori di cannabis, piuttosto che figure consulenziali nella ricerca sulla produzione di cannabis o a supporto di strategie per politiche efficaci, in Italia, Rita Bernardini viene scartata come candidata da garante dei detenuti perchè antiproibizionista. Ancora una volta, l' intergruppo parlamentare si dimostra distaccato da una battaglia comune contro lo "stigma" di Serpelloniana memoria che traduce in discriminazione la candidatura di una figura di spicco come la Radicale Italiana. Anzichè utilizzare questa discriminazione in un'arma di accusa nei confronti di una politica fallita e da accantonare, non muove parola. E così si è accantonato il dibattito sulla cannabis.

Il dibattito italiano adesso guarda alle "riforme", in primis quella del senato. Una delle tante riforme che, nella più tipica tradizione italiota, minaccia di fare saltare il governo; e dunque se salta il governo che fine fa la riforma sulla cannabis? Soprattutto, che fine farebbero le poltrone degli ultimi saliti sul carro degli "amici della cannabis" raccolti nell'intergruppo? Forse meglio smettere di parlare di cannabis...

Altro tema scottante è il fenomeno incontrollato dell'immigrazione. E' stata fomentata la guerra e ora ci si stupisce che, le popolazioni locali, la guerra non la vogliono e scappano. Da dove scappano? Guarda caso da alcune delle zone dove la produzione di cannabis è storicamente una tradizione. Si veda il Libano.

Quello che mi stupisce maggiormente è come gli occhi siano chiusi di fronte alle potenzialità di una politica internazionale sulla cannabis. Dall'arricchimento di zone povere, all'utilizzo di politiche agricole in favore della coltivazione della cannabis per creare lavoro nel nord dell'Africa e fermare i flussi migratori creando lavoro in quelle zone.

Le politiche di sviluppo che potrebbero partire da una sana collaborazione internazionale sulla delocalizzazione della produzione di cannabis permetterebbe la creazione di ricchezza la dove si è portata distruzione, si costruirebbe un argine di solidarietà dove ora si costruiscono mura di divisione.
La corruzione morale e finanziaria della classe politica italiana non da speranza. Lobby di potere occulte e lobby finanziarie dichiarate marciano sull'impoverimento delle persone; impoverimento che ora come mai negli ultimi cento anni sta pervadendo tutta la società.
Dato questo panorama di incertezza sorgono spontanee domande sul futuro della riforma sulla cannabis:

Quando si attiverà il dibattito nelle camere? 


Si riuscirà a fare capire alle forze più contrarie all'accoglimento degli immigrati, che le politiche sulla cannabis possono fermare il flusso di immigrazioni incontrollate attraverso la creazione di lavoro nel nord dell'Africa?


Si riuscirà a fare cadere il tabù sull'antiproibizionismo?