cookie

Translate

martedì 16 febbraio 2016

Banking for Cannabis Companies Is About to Get Easier Thanks to This Startup




Only 30 percent of companies in the marijuana industry have a bank account. As the industry makes billions of dollars in sales, a small startup out of Arizona is here to help make sure all that cash has a safe home.

BY WILL YAKOWICZ
Staff writer, Inc.@WillYakowicz



Although selling marijuana is now legal in 24 states and the District of Columbia, doing business as a legal marijuana company is a logistical nightmare. That's because marijuana is still federally illegal, and banks open themselves up to potential seizure by the FDIC if they take money that is the result of a federally illegal act.


Despite the fact that President Obama has given financial institutions the green light to serve the legal cannabis industry (so long as they monitor closely for potential money-laundering and other violations), most banks won't work with the $6.7 billion marijuana industry. The result is that 70 percent of cannabis companies don't have a bank account. The few banks that do take on marijuana clients do not advertise what they're doing.

Enter Hypur, a startup in Scottsdale, Arizona, that for the past year has been quietly convincing banks that it is safe and profitable to work with cannabis businesses.

Hypur, which was founded by a team of banking compliance and software entrepreneurs in 2014, has successfully helped about five banks in Colorado serve a number of cannabis businesses in the state. Hypur would not reveal which banks, citing nondisclosure agreements.

The startup's secret sauce is a software platform that audits a cannabis company in its entirety, shifting through documents and state licenses, financial statements, tax returns, property leases, and more, to ensure it is legal and legitimate. The software connects to the cannabis company's point-of-sale system as well as the state's seed-to-sale system, which follows marijuana plants from the grow house until they're sold to a customer, to monitor the business and ensure compliance.
Automated compliance.

One of the greatest hurdles for banks that do want to do work with this lucrative market is to make sure businesses are compliant under state law. It can take up to 20 hours for a banker to do a single marijuana business's paperwork, while other businesses can get a bank account set up within an hour, says Andre Herrera, executive vice president and co-founder of Hypur.

Michael Sinnwell, chief operating officer and co-founder of Hypur, adds, "That's one of the biggest things--banks spend a lot of time chasing paper and we're eliminating the paper-chasing."

After Hypur has collected all the licenses and documents and has proved the company is legally operating in the state, the system creates automated notifications and red-flag triggers for when a license or lease will expire to make sure the client does not fall out of compliance.

Banks using Hypur are granted access to granular financial information coming from each dispensary's point-of-sale system. (Hypur is integrated into POS software likeFlowhub and BioTrack THC and marketplace platforms like Tradiv.) Not only can banks on the platform assure bank regulators like the FDIC that everything is above board, Hypur breaks down the provenance of every dollar coming into a cannabis bank account, says Sinnwell.

"Here's where the money came from and here's how much cash you should expect coming through your door at any given point. We allow banks to know a given transaction is a legitimate transaction between a consumer and that merchant," Sinnwell says. "We call it Know Your Customer's Customer. Banks know their customer but now they have an idea of their customer's customer to make sure it's not laundered funds."
Follow the money.

The ability to know you customer's customer is a big deal in the banking world. Once a Hypur customer gives a cannabis business an account, that business is encouraged to have its customers download Hypur's mobile payment app. The app, which is about to finish beta testing, hosts a direct bank-to-bank electronic transaction, meaning a customer pays directly from their bank account to the cannabis business's bank account. The bank can follow each transaction coming in and follow the product going out of the business.

"Our goal is to eliminate cash," Sinnwell says.

Cash is not only a pain to deal with and keep safe; it also poses danger to the merchant and the merchant's employees. Money also walks. Cash businesses tend to lose 10 percent due to theft. Lastly, businesses that are cash only are inconvenient to customers.

While 30 percent of cannabis companies have a bank account, no cannabis company can accept debit or credit cards because companies like Visa and Mastercard will not give the industry merchant accounts until federal law changes. For this reason, an entire cottage industry of armed cash pick-up and delivery companies has emerged in states like California, Colorado, Oregon, and Washington to bring millions in cash to entrepreneur's homes, private vaults, or banks or local federal reserve branches (some banks prefer to bring the cash straight to their federal account) for the ones with bank accounts.

Hypur's platform and app allows banks to see each dollar come into a business's account and match with a customer and product. When a cannabis client's armored truck pulls up to a bank, the bank knows exactly how much is coming and where each bill came from.

According to Hypur, it monitors hundreds of millions of dollars of transactions a month. The company, which raised $6 million from investors, doesn't serve only the cannabis industry. It also serves any cash-intensive business, like gun and ammunition shops, payday lenders, off-track betting parlors, and pawn shops. Sinnwell says that the Hypur platform provides effective tools to companies that are struggling for credibility and acceptance by financial institutions.

"Once the data and information starts to flow and banks can know a business isn't laundering funds, that's when the industry blooms," he says. "The biggest thing for regulators is to know that all of this cash is accounted for."


Banking for Cannabis Companies Is About to Get Easier Thanks to This Startup

domenica 14 febbraio 2016

9 marzo: una data importante

Nella completa indifferenza mediatica e nel disinteresse generale, si sta avvicinando la data del 9 marzo che eppure potrebbe accelerare tutti i tentativi in corso pr arrivare ad una legge che regolamenti la coltivazione di cannabis ad uso personale.

Pubblichiamo il comunicato degli avvocati Simonetti e Miglio, premettendo che torneremo sull’argomento per organizzare una pressione sociale alla vigilia del pronunciamento, proponendo, in occasione della fiera Canapa Mundi,  un coordinamento antiproibizionista in grado di poter esprimere il reale umore dell’opinione pubblica.

________________________________________________________

La Corte Costituzionale il 9 Marzo in camera di consiglio deciderà sulla questione di legittimità costituzionale sollevata dall’Avv. Claudio Miglio e l’Avv. Lorenzo Simonetti.
In assenza di significativi indici di spaccio, l’uso personale della sostanza stupefacente ha permesso di muovere radicali censure alla giurisprudenza costante che finora ha considerato, sempre e comunque, reato la condotta di coltivazione.
Finalmente, dopo sette anni di netta chiusura dei giudici, e nonostante l’inerzia assordante della politica, è possibile ricominciare a discutere della liceità penale della coltivazione di marijuana a scopo ricreativo e terapeutico.
L’ordinanza di rimessione alla Consulta segna una svolta storica in questo senso, se non altro per spingere le Corti a sospendere i giudizi in corso che abbiano ad oggetto una condotta di coltivazione ad uso personale in attesa che il Giudice delle Leggi si pronunci.

http://www.tutelalegalestupefacenti.it

legalizziamolacanapa.org: 9 marzo: una data importante

sabato 13 febbraio 2016

‘Cannabis clubs’ may be opening in four Swiss cities

Zurich, Basel, Bern and Geneva have all agreed to launch pilot clubs




"Cannabis clubs" allowing members to use the drug without facing a penalty are reportedly set to open in four Swiss cities.

Zurich, Basel, Bern and Geneva have all agreed to launch pilot clubs, which have allegedly been in discussion for sometime, local broadcaster SRF reports.

Representatives from the cities met in Bern on Thursday to discuss how to regulate the sale of cannabis, which is illegal to possess in Switzerland.

If the project is accepted up to 2,000 people will be able to legally use cannabis in the venues - a small share of the 500,000 people who smoke marijuana in Switzerland despite the threat of prison time and fines, The Local reports.

The projects are proposed to run over four years and will be scientifically monitored, SRF said. 

Implementation of the clubs, however, is still subject to approval by cantonal governments and the federal office of public health.

Reports of so-called "clubs" offering “state-certified” cannabis for personal use have been circulating since 2014.

It has previously been suggested the venues would be adult-only and called “associations of cannabis users”, according to the Local.

At present cannabis bought illegally on the “black market” cannot be taxed by the state, Snadro Cattacin, sociology professor at the University of Geneva an Geneva representatives told SFR. Neither can the government place controls on cannabis products or conduct proper prevention programmes - problems the proposed clubs hope to counter.

According to previous reports, other benefits of the proposed scheme include greater control of elements such as the level of THC, an active ingredient in cannabis, and the use of pesticides.

The proposed pilot plan would also authorise the controlled use of cannabis for young people and adults suffering from problems linked to the drug.

The use and possession of cannabis remains illegal in Switzerland, although enforcement differs widely across the country.

According to the Federal Law on Drugs in Switzerland, production, culture, use and possession of cannabis is punishable by up to three years in prison.

The government liberalised its policies with a law that took effect in October 2013 making the possession of small amounts of cannabis punishable by a set fine of 100 Swiss francs.

The change aimed to reduce the 30,000 or so cannabis-related cases clogging Swiss courts annually.

giovedì 11 febbraio 2016

ITALIA - Coltivazione cannabis. Non e' reato per due piantine. Cassazione

Troppo poche due piantine di hashish per dire che l’imputato, sorpreso nella coltivazione sul proprio terrazzo, aveva intenzione di estrarre la sostanza stupefacente per venderla a terzi. La condotta è praticamente inoffensiva per gli altri; viene confermato l’assenza di reato stante l’uso personale. È quanto chiarito dalla Cassazione con una sentenza, la 5254/16.
È ormai un principio consolidatosi in giurisprudenza quello secondo cui, in tema di sostanze stupefacenti (cannabis e hashish innanzitutto), la coltivazione diretta di piante piccole o di numero ridotto esclude la possibilità di parlare di reato. La “piantagione domestica”, se rivolta a estrarre una minima parte di principio attivo, non è un attentato alla salute pubblica.
Protagonisti della vicenda sono due imputati, condannati in secondo grado per produzione, spaccio e detenzione di stupefacenti per aver coltivato a casa loro, in un armadio trasformato in serra, due piante di canapa indiana. Secondo la Corte territoriale, essendo irrilevante la destinazione della sostanza se a uso personale o meno, afferma che la condotta sia sempre punibile sul presupposto della “soglia drogante” del prodotto. La Cassazione, di tutt’altro avviso, ritiene che la sentenza di appello vada annullata senza rinvio perché il fatto non sussiste. La quantità modesta di droga conferma che si tratta di un prodotto destinato al consumo personale dei due imputati.
La distinzione che opera la giurisprudenza è quella tra il reato di coltivazione e quello di detenzione dello stupefacente:
– quanto al reato di coltivazione, esso non può essere “direttamente ricollegato all’uso personale ed è punito di per sé in ragione del carattere di aumento della disponibilità e della possibilità di ulteriore diffusione”;
– quanto invece alla detenzione essa è condotta strettamente collegata alla successiva destinazione della sostanza ed è qualificata da tale destinazione: pertanto è punibile solo quando è destinata all’uso di terzi. Se destinata, invece, all’uso personale, è prevista solo una sanzione amministrativa.
È la destinazione della sostanza stupefacente a decretare l’esistenza o meno del reato: non basta il semplice pericolo, ma è necessario che la condotta sia in concreto offensiva.
Pertanto, tutte quelle condotte che dimostrino una levità tale da essere irrilevante l’aumento di disponibilità di droga e non prospettabile alcuna ulteriore diffusione, allora si può parlare di inoffensività e di assenza del reato. Resta ferma, come detto, la sanzione amministrativa.
La Cassazione, in sintesi, sostiene che l’aver coltivato due piantine, “senza alcuna ragione di ritenere che i ricorrenti avessero altre piante non individuate e, quindi, essendo certo che quanto individuato esauriva la loro disponibilità senza alcuna prospettiva di utile distribuzione in favore di terzi consumatori, non è in concreto una condotta pericolosa e quindi offensiva per la collettività.

ITALIA - Coltivazione cannabis. Non e' reato per due piantine. Cassazione

domenica 7 febbraio 2016

Cannabis legale. Un business di 5,4 miliardi di Usd nel 2015

Questa settimana due studi ci hanno fatto sapere che l'industria della marijuana sta attraversando un buon periodo. Le vendite nel 2015 sono state per un valore di 5,4 miliardi di dollari, rispetto al 4,6 miliardi del 2014. Lo fa sapere l'Arc View Group, un'azienda con base a San Francisco e New Frontier, con base a Washington. Per l'anno in corso, si prevede di raggiungere vendite per una valore di 6,7 miliardi di dollari.
Una situazione che, per potenzialita' e ampiezza della portata, attira molto Wall Street. Siccome sempre piu' Stati stanno legalizzando la vendita di marijuana, gli analisti vi intravedono un importante prospettiva per il mercato. I fondi stanno prendendo in considerazione la possibilita' di investire in marijuana. E' anche in corso una discussione tra genitori se consentire o meno ai propri figi di fare acquisti del genere. E dire addio ai sacchetti anonimi per il trasporto e alle lampade negli armadi per la coltivazione in casa. L'indotto industriale si sta cominciando ad interessare, come le aziende per i climatizzatori (tipo la Bouder in Colorado), e quelle per mitigare il forte odore del prodotto in se' e -la FunkSac- che produce a Denver borse per il trasporto a prova di bambino.
“C'e' ancora una certa diffidenza in merito”, dice Brandy Keen, co-fondatore di Surna, che produce tecnologia per la coltivazione domestica al chiuso. 
“Questo e' un settore che e' emerso dagli scantinati. Nato da armadi e cantine nascoste in edifici di cemento”. 
Il consumo di marijuana non medica, da parte di una popolazione adulta, rappresenta 998.000.000 di dollari del totale delle vendite del 2015, rispetto ai 351 milioni del 2014, secondo il rapporto di ArcView/New Frontier. Le stime sono basate sulle entrate fiscali dello Stato e sui dati di vendita a scopi terapeutici e lucrativi. Il rapporto prevede che per il 2020, il mercato legale si attestera' sui 21,8 miliardi di dollari.
Allo stato, questi dati sono una sintesi del rapporto completo la cui divulgazione e' prevista per fine febbraio, e comunque e' una delle ultime analisi di mercato che si e' interessata del mercato emergente della marijuana. Merrill Lynch, in un rapporto citato da Philly.com nello scorso dicembre, ha previsto che il mercato della cannabis, e le tecnologie varie ad esso connesse, se legalizzato tendera' a crescere.
Greenwave Advisors, nella sua ultima relazione annuale a novembre, ha stimato un fatturato di 4,8 miliardi di dollari per il 2015, rispetto ai circa 3,2 miliardi del 2014. Si attende un'ulteriore crescita nel 2016 e un "surge" nel 2017 e il 2018.
L'ultimo rapporto definisce tre tipi di consumo di marijuana legale. Quello adulto ricreazionale; quello medico; quello di farmaci con l'uso di prodotti i cui componenti sono per la maggior parte estratti dalla cannabis. Il 2016 sarebbe il “punto di non ritorno”, quando la maggioranza degli Stati passera' da un divieto ad una qualche forma di mercato legalizzato.
John Kagia, direttore per le analisi dell'industria New Frontier, nell'ambito di incontri molto affollati sugli investimenti in materia di marijuana, ha spiegato, in virtu' del contesto normativo, come comprendere gli aspetti piu' difficili.
Quattro Stati e il Distretto di Columbia ne consentono il consumo agli adulti, e quest'anno, ci sono sette nuove consultazioni elettorali in merito: California, Nevada, Arizona, Massachusetts, Maine, Rhode Island e Vermont.
Sono inoltre ventitre gli Stati che consentono l'uso medico della cannabis, e altri quattro -Florida, Ohio, Missouri e Pennsylvania- hanno legislazioni molto avanzate in merito.
Alcuni ostacoli normativi federali si stanno allentando, e l'interesse federale nella ricerca sull'uso di marijuana medica è in crescita. Ma, secondo il rapporto, ci sono diverse voci contrarie.
Alcune aziende di cannabis sono sottoposte ad una maggiore pressione fiscale. Ed hanno anche difficolta' a far ricorso alle banche per colpa delle leggi federali, che le portano ad avere problemi di sicurezza ed efficienza, costringendole, proprio per l'efficienza, a fare notevoli investimenti. L'aumento della concorrenza al di la' dei confini dei singoli Stati che potrebbero legalizzare questo commercio, potrebbe porre nuove sfide.
Secondo il rapporto, le scorte di marijuana in un mercato al di sotto delle performance tradizionali del 2015 (Nasdaq e gli indici di Standard&Poor) hanno smorzato gli interessi degli investitori.
La legalizzazione è anche un tema caldo nel dibattito nazionale, rendendola abbastanza vulnerabile in un anno che e' quello elettorale. "Anche se l'opinione pubblica si sta spostando a favore della riforma della cannabis, i candidati alla presidenza sono più reticenti a sostenere la legalizzazione", dice il rapporto.
Il potenziale di business della pianta ha profonde radici. Cosi e' accaduto per il rapper Snoop Dogg, il cantante country Willie Nelson e l'attore Tommy Chong, che hanno dimostrato, sfruttando la propria celebrità, di poter stabilire nuovi marchi nel mercato.

(articolo di Christine Hauser, pubblicato sul The New York Times del 05/02/2016) 

Cannabis legale. Un business di 5,4 miliardi di Usd nel 2015

giovedì 4 febbraio 2016

Negli Usa esplode (+284%) il grande business della marijuana legale. Assieme al gettito fiscale

E' stata fuorilegge per quasi ottant’anni. Tra il 2001 e il 2010, solo negli Usa, ha portato a 8,2 milioni di arresti. Ma oggi la marijuana, sdoganata da 23 Stati dell’Unione per uso terapeutico e in alcuni di essi anche per scopi “ricreativi”, sembra essere diventata la terra promessa: una delle industrie americane con il più veloce tasso di crescita. Un po’ di dati, per capire. Secondo il centro studi New Frontier and Arcview Market Research, l’anno scorso la vendita di cannabis a “scopi ricreativi” - resa legale in Colorado, di Enrico Marro - Il Sole 24 Ore - leggi su http://24o.it/4btCH5