cookie

Translate

lunedì 26 dicembre 2016

Cannabis Science orders multiple greenhouse structures for its 2nd pilot 33,000 sq. ft. drug development facility buildout in Douglas County, Nevada.

Cannabis Science, Inc., a U.S. company specializing in the development of cannabinoid-based medications, has started work on its second 33,000 sq. ft. pilot cannabinoid drug development and manufacturing facility in Douglas County, Nevada.
"We have every intention of making 2017 the breakout year for our great company," said CEO Raymond C. Dabney. "To fast track our second pilot greenhouse and property build program, we ordered prefabricated and regular greenhouses. This second pilot property will house some of our grow operations and research and development activity.
"Our target is to begin growing a variety of prime strains in the first quarter of 2017. We need all the drug development capacity we can get, because we intend to ramp up our operations to meet the increased demand for cannabinoid medications across the country. This market is coming into full-bloom, and 2017 is the year we will be positioned to capitalize on this tremendous opportunity."
The Douglas County, Nevada multi-phased project is the second pilot site and is currently in full buildout of greenhouses, water-well development, extraction points, and manufacturing. The grow operations at this site will support the extraction of cannabinoids for the development of key proprietary formulations. The site management team is in place, and the labor crew is being hired locally to create jobs and economic benefits to the community. This multi-phased facility is officially under construction.
"The first quarter of 2017 will be an exciting time for more new product releases and much larger distribution channels. We will utilize various medication delivery methods (such as pills, creams, extracts, inhalers, tinctures, and balms) based on the ailment and we will release our cannabinoid-based medications across the country. I can't emphasis enough what an exciting and busy year 2017 looks to be," Dabney stated.
Cannabis Science is mapping out strategic demographic analyses across the country for full circle operations in each area: Grow, Lab Extraction, Manufacturing and Dispensaries. Having R&D and full circle operations and facilities in one site will allow Cannabis Science to bring its product to market more rapidly than before, while trimming costs for acquisition, extraction, and medication manufacturing.
While the company will place high emphasis on producing its existing product lines to meet the demand of current distributors, Cannabis Science will continue and expand the work on developing new product lines, which will allow them to access new patients across the country.
With over 3,500 acres in its portfolio in California and Nevada and much more under negotiations for future drug development projects, the company has a unique opportunity to scale out this model very quickly across the Western United States. Once this pilot buildout project in Nevada is complete and functional, the company will work on expanding its operations across the country.
(Source: Marketwired)

martedì 13 dicembre 2016

Cannabis Science Inc (OTCMKTS:CBIS) Takes A Step Forward

By Steven Goodstein / in Marijuana, Medical / on Tuesday, 13 Dec 2016 12:12 AM

Dr. Wilfred F. Ngwa, the Harvard Director of Global Health Catalyst at the DF/HCC, stated that Cannabis Science Inc (OTCMKTS:CBIS) presentation was a huge success. This development will lead to beneficial partnership opportunities between the firm and Harvard Medical School.
The expert view

Dr. Ngwa said that they were pleasantly surprised with the clearly targeted missions, direct plan of action and knowledge depth offered by Cannabis Science. They discussed the drug development success and advancement the company had made so far. Partnerships between renowned scientists and CBIS team at the DF/HCC are anticipated to bring in-depth knowledge of the potential effectiveness of cannabinoids in the cancer treatment and also other chronic diseases. Dr. Ngwa added that they will outline the motivations for research partnership with a viewpoint of successfully publishing details in a renowned peer-reviewed medical journal.

Mr. Dabney participated in the talks, and together with Melvin F. Foote and Dr. Allen A. Herman, the CMO of Cannabis Science delivered a comprehensive overview of the firm and its “Cannabis Science Research” Foundation. It covered details on cannabinoids treatment, targeting different critical ailments and validating the ability to destroy cancer cells and improve the therapeutic management of different types of cancers. It engaged the Harvard faculty members in deliberating approaches to establishing a research and drug development alliance between Dana Farber/Harvard Cancer Center and Cannabis Science.

Dr. Herman commented that during the roundtable talks, they received an opportunity to discuss prospective pre-clinical, and clinical research plans and objectives with the DF/HCC scientists. The drug advancement targeting will be implemented by the new association and is projected to alter the dynamics of phyto-pharmaceutical progression, particularly in the segments of clinical study design and program implementations.

Raymond C. Dabney, the CEO and President of Cannabis Science, said that with the support of renowned team of scientists of a prestigious cancer research institution, the company hopes to launch new therapies from research to FDA nod much more quickly. The partnership strength is underscored by an in-depth knowledge of the acceptance procedures at the Food and Drug Administration.

mercoledì 7 dicembre 2016

Piuttosto che legalizzare la cannabis ... fanno saltare il Governo

Ok. E' caduto il governo. Perchè? Perchè non vogliono legalizzare la cannabis.

Guardiamo i dati. La povertà alla quale questa classe politica ci ha portato, è frutto del loro arricchimento. Che si è fondato, tra le tante balle, che la cannabis non va legalizzata.

Ormai neppure più tutti i berlusconiani sono contro la legalizzazione. E' facile trovare in giornali di destra, titoli a favore della cannabis, sostenuti da idee economiche come quella portata da alcuni premi nobel dell'economia. Esistono ancora dei sostenitori del libero mercato e della libertà individuale. Insomma, non sono tutti fascisti a destra.



Ma torniamo alle dimissioni del premier. Questo governo, che da circa due anni ha incarico la richiesta di autorizzazione alla coltivazione alla cannabis, non si è ancora espresso.
Da un punto di vista economico quanto può avere danneggiato l' Italia?
Ebbene, circa il 20% del pil



Dopo «un quindicennio perduto», il Paese «soffre oggi di una debolezza superiore all’atteso» sottolineano da Viale dell’Astronomia ricordando come il contesto «resta molto difficile» con «tutti gli indicatori qualitativi al ribasso».

Ancora il sole24ore

Confindustria: Italia ferma 15 anni, altri crescono

«Non riusciamo a schiodarci dalla malattia della bassa crescita di cui soffriamo dall’inizio degli anni Duemila» avverte il capo economista di Confindustria, Luca Paolazzi. I dati Csc mostrano come «prima, durante e dopo la Grande Recessione (in Italia più intensa e più lunga) si è accumulato un distacco molto ampio» con altri Paesi Ue. Tra 2000 e 2015, ricorda Confindustria, il Pil è aumentato in Spagna del 23,5%, Francia +18,5%, Germania +18,2%. In Italia è «calato dello 0,5%» e con le dinamiche in corso i gap aumentano oggi «ancor più rapidamente».


Dall'Istat: I NUOVI CONTI NAZIONALI IN SEC 2010  Innovazioni e ricostruzione delle serie storiche (1995-2013),  “Le modifiche connesse al superamento delle riserve europee sull’implementazione del Sec 95 hanno contribuito alla revisione per 0,8 punti percentuali. Di queste, la modifica con il maggior impatto (1,0 punti percentuali) riguarda l’inclusione di alcune attività illegali tra l’economia non osservata.”
Scendendo nel dettagli di questa valutazione economica emergono alcuni dati interessanti elaborati dall’ufficio Statistico.
- “l’inclusione delle importazioni illegali di droga e tabacco di contrabbando ha inciso per 0,2 punti sulla revisione complessiva”
- “La spesa per consumi finali delle famiglie ha subito una revisione al rialzo del 4%, spiegata per 1,6 punti percentuali dalle riserve (quasi interamente connessa all’inclusione dell’economia illegale”

Avete mai sentito Renzi parlare di "riserve da parte dell'europa?"
Di 13 miliardi di flessibilità?Indovinate un pò di che flessibilità parla quando fa riferimento a quei numeri?Al mercato della cannabis!

Sempre nella nota informativa: "La componente più rilevante tra le tre attività illegali ora misurate dai conti nazionali riguarda la commercializzazione di droga, la quale, in termini di valore aggiunto, è valutata nel 2011 in 10,5 miliardi di euro.
....
Il valore aggiunto derivante da attività illegali è il risultato di una produzione valutabile in circa 16 miliardi a fronte della quale si stima un ammontare di costi intermedi pari a 1,7 miliardi; questi ultimi generano, a loro volta, un valore aggiunto di 1,2 miliardi connesso alla produzione di beni e servizi legali indotta da attività illegali (Prospetto 4). Pertanto, la stima delle attività illegali, comprensiva dell’indotto, comporta un’integrazione di valore aggiunto nei conti pari a 15,5 miliardi di euro, con un’incidenza sul nuovo livello del Pil pari, nel 2011 allo 0,9%. "


(Prospetto 4)
Se si confrontano i dati di confindustria, con le stime pil dell'Istat con le conseguenze delle scelte politiche sul tema cannabis, emerge un dato "drogato". Eh si. I dati italiani non sono attendibili. La politica italiana ha nascosto all'Europa, un business ,da 13 miliardi di euro l'anno, che avrebbe potuto portare l'italia a crescere al passo di Spagna, Germania e battere con orgoglio i cugini francesi.

L' uno per cento del pil che il mercato della cannabis ha sottratto ai dati ufficiali è allarmante e andrebbe messo in regola. Come? legalizzando la cannabis e dichiarando il mercato aperto e libero all'impresa.

Questa è una battaglia per lo sviluppo economico e la lotta alla povertà.

Istat, un residente su quattro in Italia è a rischio povertà o esclusione sociale: al Sud quasi il 50%

L' incidenza di 1,7 punti percentuali annui, per 15 anni, avrebbe reso l'italia più ricca, semplicemente facendo una somma aritmetica, di 25.5 punti percentuali di incidenza. Divenendo la locomotirice d'europa.

Ma la cannabis non è mai stata legale. E dunque oggi siamo poveri e (in)felici.

Ma queste argomentazioni potrebbero essere troppo tecniche. Perciò l' economia, per rendersi più accessibile, ha spiegato il pil come il reddito dello stato e, semplificando, la crescita del pil come la crescita del reddito del cittadino. Significa che 25.5 punti di pil persi, è il 25% perso nella crescita del  reddito medio di un cittadino italiano. L' italiano è in media più povero. ora si può dire per causa della repressione di un mercato illegale.

L' Italia con la cannabis legale? Lo stato più potente d'europa.