cookie

Translate

domenica 4 dicembre 2011

11/06/08

Egregio
direttore, ho trovato molto interessante il "botta e risposta", a proposito di
quello che è il fenomeno droga e tossicodipendenza, tra Villani e Motta.
Peccato che entrambi non siano usciti dai soliti luoghi comuni e si sia caduti
come al solito nel "politicamente corretto", nascondendo la verità.
Se Villani
ha dimostrato di non sapere di cosa parla, la Motta ha dimostrato di non avere
il coraggio neccessario per dire quello che andava detto: proibire è inutile e
dannoso. Non solo; la Motta ha affermato che leggi permissive non hanno frenato
la diffusione del consumo di stupefacenti. Se le falisità me le potevo
aspettare da Villani, aspettativa puntualmente confermata, non mi aspettavo una
simile assurdità dalla Motta. La tolleranza e leggi che assecondano i costumi
acquisiti, sono le uniche leggi che possono permettere il rientro dall'
emergenza droga, come dimostrano tutti gli esempi europei di contrasto alla
diffusione di stupefacenti attraverso la comprensione (Svizzera, Spagna,
Olanda, Germania). Addirittura in Olanda i tassi di diffusione degli
stupefacenti illegali è tra i più bassi in Europa nonostante la legislazione
più "permissiva" del continente.
E' un vero peccato che ai politici piacciano
le falsità.

In realtà la lettera era indirizzata all' assessore Mozzoni, non all' on Motta alla quale colgo nuovamente l' occasione per porgerle le mie scuse per l' errore.

Nessun commento:

Posta un commento