cookie

Translate

giovedì 18 giugno 2015

Una nuova politica estera: la cannabis per la centralità italiana nel mediterraneo

All' att.ne del presidente del consiglio dei Ministri Matteo Renzi,

Onorevole Primo Ministro, l'Italia è nella morsa di una invasione senza precedenti; il tutto perchè fuggono da Paesi in guerra.
Ma cosa ne sarebbe se si riuscisse a creare lavoro attorno al mediterraneo, nel Nord Africa?


Se l'Egitto trova nel cotone la prima coltivazione per l' esportazione, per il Marocco è la cannabis, Primo produttore al mondo.

Visto che l' Italia è sola nell' affrontare l'emergenza, un ruolo centrale dell' Italia nel mediterraneo potrà essere quello di essere "giustificata" ad estreme misure.

L' Italia deve prendere accordi commerciali con i paesi del nord africa per delegare la produzione di cannabis e resina sui paesi che si affacciano al mediterraneo.

Potrebbe esserci un effetto collaterale; l' esplosione del traffico di cannabis in Europa, ma è un rischio che l' Italia può correre, vista l' isolazione a livello europeo a supporto del enorme afflusso di migranti.

Va costruita una economia in questi paesi, per permetterli di accogliere i migranti che altrimenti arriverebbero in Italia.

L' importanza di tali accordi renderà l' Italia il centro di un nuovo mediterraneo e potrà avere più voce in Europa.

Esempi? L' olanda.

Se Francia e Germania si lamentano per l' esigua produzione Olandese, cosa ne sarebbe dell' Europa se l'Italia avesse accordi commerciali per la produzione di cannabis e resina cn tutto il Nord Africa?

L' Italia potrà avere un peso in Europa solo quando legalizzerà la cannabis e avrà il mediterraneo sotto la propria egida.


Nessun commento:

Posta un commento