cookie

Translate

sabato 26 maggio 2012

ITALIA - Carcere e droga. Denuncia e iniziativa di Franco Corleone

A causa del sovraffollamento 'oggi il carcere fa schifo' e 'la situazione e' drammatica: in Italia siamo sempre a 67-68 mila detenuti. Nel carcere fiorentino di Sollicciano, ad esempio, siamo stabilmente sopra mille', il doppio della capienza regolamentare. Lo ha detto Franco Corleone, garante dei detenuti del Comune di Firenze, che da martedi' ha avviato uno 'sciopero della fame di qualche giorno' con l'intento di formare 'una catena' che veda impegnati anche gli altri garanti ed esponenti del volontariato e delle associazioni. Corleone, che e' anche coordinatore nazionale dei garanti delle carceri, ha inviato una lettera aperta ai suoi colleghi proponendo di cercare insieme soluzioni a questa 'violenza silenziosa'.
'Nel 2011 - ha spiegato - sono entrati in carcere per violazione dell'art. 73 della legge Giovanardi, cioe' per detenzione di stupefacenti, 23 mila persone. Questo spiega il perche' del sovraffollamento'. Secondo il garante di Firenze, - per il quale, tra l'altro, sono 'finora modeste le proposte del ministro Severino' -, attraverso misure alternative per i detenuti tossicodipendenti, la modifica della legge Giovanardi e con 'una 'amnistia specifica' per il quinto comma dell'art. 73 della legge sulle droghe, cioe' per i fatti di lieve entita si potrebbe arrivare ad avere 'nelle carceri circa il 40% in meno degli attuali detenuti'.

ITALIA - Carcere e droga. Denuncia e iniziativa di Franco Corleone

Nessun commento:

Posta un commento