cookie

Translate

giovedì 8 marzo 2012

Solidarietà al ministro Riccardi

La notizia riportata della sfiducia di 40 senatori del Pdl nei confronti del ministro Riccardi, evidenzia la rottura della politica con il paese.

La maggioranza degli Italiani è infatti favorevole riguardo l' operato di questo governo "tecnico", mentre tutti ben sanno quanto la classe politica italiana, ormai in sfacelo, sia la causa della attuale situazione disastrosa delle finanze e dello stato di salute della nostra democrazia.

Le parole di questi senatori, che chiedono la sfiducia di un rappresentate puramente "tecnico", che quindi non rappresenta nessun interesse particolaristico di lobby o gruppi è la più bassa rappresentazione di quella politica che, personalmente, mi augurò finirà con le prossime elezioni politiche. Cosa ha fatto Il ministro riccardi per essere sfiduciato? Ha preso tangenti? E' legato a qualche organizzazione malavitosa? Ha operato male per l' interesse del paese? Nulla di tutto questo.

Le persone che chiedono la sfiducia del ministro sono le stesse che hanno salvato persone indagate dall' arrsto richiesto dalla magistratura, che hanno coperto gli scandali di un ex presidente del consiglio più satiro che nonno di famiglia, come i suoi 70 anni richiederebbero, sono gli stessi che hanno distrutto l' economia italiana, saccheggiando le risorse economiche dei più per redistribuirle tra i soliti noti, sono la classe politica più pagata al mondo nel paese con gli stupendi più bassi d' Europa.

Voglio esprimere la mia personale solidarietà al Ministro Andrea Riccardi, che possa andare avanti a ricoprire il suo ruolo e portare un vento di equità in una classe dirigente immeritevole di questo titolo.

Nessun commento:

Posta un commento