cookie

Translate

domenica 4 dicembre 2011

26/06/2007

Egregio direttore, come mai ultmimamente si torna molto a parlare di "fumo" e il problema cocaina viene "trascurato"? Fanno più notizia giovani arrestati ai quali si nega il futuro, piuttosto che rampanti professionisti dal naso imbiancato, ben inseriti nella mondanità? Fanno anche più notizia della "normalità" della droga, che, oggi, si può permettere chiunque e sempre disponibile in qualsiasi parco cittadino e non solo?
E' un dato di fatto incontrovertibile la minore pericolosità per l' individuo e la società delle droghe leggere; è altrettanto inconfutabile la pericolosità allarmante di sostanze come cocaina ed eroina (che sta tornando di moda secondo uno studio allarmante di Prevolab). Nonostante ciò sembra che ultimamente si stia abbassando la guardia sul versante droghe pesanti, mentre, per chissà quale ragione, si sta inasprendo una caccia alle streghe contro giovani vittime del sistema. Come si possono definire diversamente i giovani che oggi si stanno confrontando con una legge che li ha letteralmente abbandonati alla strada? Abbandonati,perchè spesso i genitori non sanno dialogare con i figli a riguardo, partendo da posizioni preconcettualizzate che aumentano la distanza; abbandonati, perchè ora la droga è "il male" del quale non si può parlare se non per esserne contro; evidentemente, questo modo di fare, aiuta a raccogliere consensi; pulisce le coscienze dalla responsabilità di essere adulti. Peccato che così facendo si perda di vista la realtà.

Nessun commento:

Posta un commento