cookie

Translate

sabato 30 maggio 2015

Richiesta di Autorizzazione Ministeriale per la coltivazione di cannabis

Alla cortese attenzione dell' ufficio di competenza per il rilascio dell'autorizzazione ministeriale per la coltivazione di cannabis.


Con la presente per richiedere formalmente, l'Autorizzazione Ministeriale per la coltivazione di cannabis, sviluppando un progetto di coltivazione "demand based" ispirato dagli stessi principi di "tutela dell' interesse della collettività e a tutela del diritto alla salute , allo scopo di fornire un appropriato trattamento fitoterapico ai pazienti” come da accordo firmato tra i Ministri Sanità e Difesa sulla produzione di cannabis.

Essendo presenti i requisiti richiesti dall'art 19 recante "Indicazioni sui requisiti personali" per i rilasci delle autorizzazioni al fine di procedere all'avvio di una attivita' a carattere economico atta a "la coltivazione, la produzione, la fabbricazione, l'impiego, il commercio, l'esportazione, l'importazione, il transito, l'acquisto, la vendita e la detenzione delle sostanze stupefacenti o psicotrope, nonche' quelle per la produzione, il commercio, l'esportazione, l'importazione e il transito delle sostanze suscettibili di impiego per la produzione di sostanze stupefacenti o psicotrope di cui al comma 1 dell'articolo 70;" (art 2. dpr 309/90).

Sono a richiedere l'Autorizzazione biennale (art .17 dpr 309/90) e a procedere a fornire tutta la documentazione richiesta al fine di poter procedere alla raccolta di adesioni (come da modello allegato ai soli fini esemplificativi) e procedere all'avvio di una attività di produzione per la vendita di cannabis a supporto della domanda nazionale, che può essere stimata in 630.000 kg annui e vista l' impossibilità dell'istituto chimico militare farmaceutico a soddisfare tale fabbisogno.

Sempre nell'interesse della collettività la suddetta richiesta è altresì ispirata dalla necessità di ricerca e sviluppo che può sorgere dallo sviluppo di attività private in collaborazione con centri di ricerca universitari, in campo sanitario, lavorativo, economico e di riflesso sulla sicurezza pubblica.

In attesa di un riscontro in merito all'esito di questa richiesta, al fine di procedere con il processo di collezionamento delle informazioni richieste dal Ministero per il rilascio dell' autorizzazione ministeriale e di futuro concerto con gli organismi di riferimento per le comunicazioni del caso.

9 commenti:

  1. Risposte
    1. La risposta la puoi trovare alla slide 11 di 34 nella presentazione in questo post:

      http://scrivialtuodirettore.blogspot.it/2017/03/coltivare-cannabis-per-rilanciare-lo.html

      Grazie di essere passato e di avere lasciato un commento di interesse ;-)

      Elimina
  2. Ciao, molto interessante ^_^ Potresti lasciarmi un contatto attraverso cui raggiungerti personalmente, mi servirebbero informazioni .... Grazie ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Son state date disposizioni ministeriali sui requisiti, condizioni e garanzie per accedere all'autorizzazione di una produzione interna con tutti i benefici che ne deriverebbero?

      Elimina
    2. So già era in corso un progetto pilota gestito dall ente militare, quali le conclusioni, insomma ci sono new?

      Elimina
  3. Buon pomeriggio, avete qualche info x la produzione medicinale?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sfortunatamente no. Il ministero ha dichiarato che fornira indicazioni al termine del progetto pilota, che però continua a prorogare facendo come Penelope con i proci.
      Ho anche inoltrato un sollecito che, ad oggi non ha avuto risposta.

      Elimina
  4. Io ho fatto richiesta al ministero a marzo. Per ora nisba. Ho parlato anche con un responsabile dell'agricoltura alla Regione Molise ma sapeva meno di me!
    Sono un farmacista!

    RispondiElimina
  5. Hai provato a parlarne con qualche associazione? Le associazioni dei farmacisti potrebbero fare qualche cosa? Ci sono anche associazioni di consumatori che potrebbero supportare l'idea di richiedere in massa la richiesta di autorizzazione e renderlo un caso "politico"

    RispondiElimina